>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Choc a Livorno, uccide e arrostisce un gatto per strada: denunciato 21enne | VIDEO

Ha ucciso e arrostito un gatto in mezzo alla strada a Campiglia Marittima (Livorno). Un 21enne è stato denunciato per uccisione di animali dopo che il video di questa atrocità è diventato virale

Un gatto arrostito su una brace di fortuna nei pressi della stazione di Campiglia Marittima. È quanto si vede nel video girato all’alba di oggi da alcuni passanti in provincia di Livorno che potete vedere qui sopra.

Per questa atrocità sarebbe stato identificato un 21enne che deve rispondere di uccisione di animali. “Da noi i gatti non si mangiano! Si tengono in casa”, inizia con una donna che urla queste frasi il video virale. Accanto a lei un immigrato sta arrostendo un animale su una brace di fortuna in mezzo alla strada. Siamo nei pressi della stazione ferroviaria di Campiglia Marittima, un paese di 12mila abitanti in provincia di Livorno.

Sul marciapiede si vede qualche asse di legno, cenere e fumo alzarsi dalla carcassa dell’animale. “Guarda che cosa stai facendo. Ora ti mando io in galera”, dice la donna rivolgendosi al ragazzo. Intanto un’altra persona riprende la scena diventata virale sui social, rilanciata anche dalla candidata della Lega alla presidenza della regione Toscana Susanna Ceccardi, e migliaia di persone stanno condannando il gesto di aver ucciso in quella maniera il gatto. 

 “Hai i soldi per comprarti le sigarette e non il pane? Vergognoso, schifoso”, urla la passante. Da quello che si apprende da alcune testate locali di Livorno, il soggetto è stato fermato e identificato. Si tratterebbe di un 21enne, irregolare sul territorio italiano. Deve rispondere di uccisione di animale.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.