>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Napoli, autobus si incastra in una rotonda. Lo guidava la moglie? | VIDEO

Ha fatto il giro della rete il video dell’autobus che a Napoli si incastra in una rotonda. In un primo momento i media parlano di un minorenne alla guida, poi l’azienda smentisce. Ora spunterebbe la moglie dell’autista

Siamo a Napoli. Un autobus si appresta a fare una rotonda fra via Manzoni e via Caravaggio. Si blocca, incastrandosi tra la rotonda e le macchine. Sembra che chi è alla guida sia in difficoltà. Poi l’autobus si sblocca e continua il suo percorso. È qui che inizia il giallo dell’autista del bus di Anm, l’azienda del trasporto pubblico di Napoli.

Un testimone presente sulla scena fa un video che inizia a circolare in Rete. “Vi rendete conto che sta guidando il figlio?”, dice nelle immagini che potete vedere qui sopra. Esce la notizia di un minorenne, inizialmente si ipotizza il figlio del conducente, che sarebbe stato alla guida del bus. Il consigliere regionale Francesco Borrelli chiede all’Anm di aprire un’indagine interna.

In una nota, la Anm (Azienda napoletana mobilità) smentisce che alla guida ci fosse un minorenne: “Il video e le foto diffuse dal consigliere regionale Francesco Borrelli ritraggono una delle tirocinanti che fanno esercitazione a bordo di un bus Anm. L'autista in questione è una donna di 44 anni, che sta svolgendo la trafila seguita da tutti gli autisti interinali che vengono assunti a tempo da Anm. Quel video la ritrae nella sua prima uscita a bordo di un autobus di linea, in una delle prove che Anm fa svolgere di sera, quando non c'è traffico, ai tirocinanti che guidano insieme a un autista esperto che interviene in caso di difficoltà”.

Tutto chiarito, quindi? Non sembra. Perché nel tardo pomeriggio di ieri, Anm diffonde una seconda nota. “A seguito dei primi fatti emersi, Anm ha avviato la sospensione cautelativa dell'autista che era sul bus insieme alla tirocinante e farà partire una indagine interna in quanto la sessione di formazione, diversamente da quanto avviene sempre, non risulta essere stata preventivamente autorizzata”.

Insomma, non sembra che fosse proprio tutto “da prassi”. Non solo, il quotidiano Il Mattino riporta un dettaglio ancora più curioso, di cui non si fa cenno nella nota, ma che avrebbe riferito alla testata l'amministratore di Anm, Nicola Pascale, che “ha lealmente ammesso di non avere nessuna chiarezza sulla vicenda: ‘Sappiamo che non c'era un minore e che era una donna perché è la moglie dell'autista ed è realmente una tirocinante. Per tutti gli altri dettagli aspettiamo la conclusione dell'indagine’”.

Insomma, Anm ha avviato un’indagine interna e per ora la certezza è solo una: l’autista che accompagnava chi guidava è stato sospeso.

Un anno fa, il 13 agosto, ci lasciava la nostra Nadia. Ad un anno di distanza i suoi compagni di viaggio la raccontano, la ricordano, e la festeggiano. Le Iene per Nadia. Giovedì 13 agosto su Italia Uno in prima serata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.