>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Omicidio Vannini: la beffa del risarcimento ai genitori a un mese dalla Cassazione | VIDEO

I genitori di Marco Vannini hanno dovuto anticipare le imposte pagando all’Agenzia delle Entrate il modello F24 a titolo di tassazione per un provvedimento del giudice legato all’esecuzione relativa al pignoramento dello stipendio e del Tfr di Antonio Ciontoli, che potrebbe servire a risarcire i familiari della vittima. La beffa arriva a un mese esatto dalla sentenza di Cassazione prevista per il 7 febbraio 2020. Giulio Golia e Francesca Di Stefano ci hanno mostrato i tanti aspetti che in questa vicenda ancora non tornano

“In questo periodo mi è mancato di più il suo sorriso, scendere la mattina e sentire lui che mi chiedeva che cosa avessi preparato in cucina. Per noi le feste non ci saranno più”. Marina Conte, la mamma di Marco Vannini, parla a Iene.it in vista della sentenza della Cassazione prevista per il prossimo 7 febbraio. E durante il periodo delle festività natalizie i genitori del giovane di Cerveteri, ucciso da un colpo di pistola nel maggio del 2015, sono stati chiamati a dover pagare le tasse sull’eventuale risarcimento da parte della famiglia di Antonio Ciontoli, l’ex 007 distaccato alla Marina militare, condannato in secondo grado a 5 anni per omicidio colposo. Come lui anche i suoi figli e la moglie devono rispondere della stessa accusa, per loro la condanna è di 3 anni. 

I Ciontoli sono stati condannati a pagare una provvisionale di 200mila euro per entrambi i genitori di Marco. Ma finora di questo risarcimento non hanno ricevuto nulla. “Questi sono soldi sporchi, io voglio che ci sia giustizia e che vadano in galera”, aveva detto la mamma di Marco, Marina Conte. Ora si aggiunge anche la beffa. Dovranno pagare quasi 3mila euro di tasse all’Agenzia delle entrate sull’eventuale risarcimento. “Abbiamo pagato questi soldi, ma ancora non abbiamo il risarcimento né sappiamo se mai lo avremo”, dice Marina Conte. È la prassi prevista in questi casi e indicata nell’ordinanza emessa dal giudice. Per i genitori di Marco però significa aggiungere continue spese, oltre al dramma di aver perso un figlio. Solo per acquisire le intercettazioni audio e video hanno dovuto pagare oltre 10mila euro.

Si tratta delle telefonate in cui i Ciontoli parlavano dell’eventuale risarcimento da pagare che abbiamo ascoltato negli ultimi servizi di Giulio Golia e Francesca Di Stefano. Intercettazioni mai entrate nel processo e che potrebbero aiutare a delineare i contorni di questa vicenda che ha ancora molti particolari che non tornano. È il 19 maggio del 2015 alle 17.58, Salvatore Ciontoli chiama il nipote Federico. “La mamma e il padre di Marco è il caso di contattarli”, dice il nonno. Il nipote però gli risponde: “Loro hanno espresso la volontà comunque di non vederci”.

A questo punto Salvatore consiglia di “insistere, insistere, insistere”. “Dovete strisciare ai loro piedi addirittura, cioè fare capire con sincerità che la cosa è avvenuta inavvertitamente, che voi siete profondamente addolorati e colpiti”. È un consiglio spinto dal dramma appena successo? Tutt’altro. Ciontoli mette in guardia il nipote: “La prima cosa che deve fare tuo padre è togliersi tutte le proprietà. Tutto ciò che ha vicino a lui che in caso di risarcimento danni… Dovete umilmente prostrarvi ai piedi dei genitori di Marco perché se questi si presentano e ricorrono come parte civile a tuo padre lo mettono col sedere sotto il marciapiedi”. Una strategia che poi sarebbe stata messa in atto.

Lo stesso Antonio Ciontoli torna sulla questione qualche giorno dopo. A poche ore dal funerale di Marco chiama il cognato Peppe per raccontargli dell’incontro con l’avvocato. “Ho chiesto un po’ di cosucce per quanto riguarda eventuale risarcimento danni. Loro si possono avvalere solo sui miei averi, sul 50% della casa di Ladispoli, sulle macchine”, dice Ciontoli. L’indomani è di nuovo al telefono con l’avvocato: “Non so se conviene chiudere il conto corrente che ho cointestato…”. Ma il legale lo frena: “Adesso è presto. Non prendiamo iniziative, te lo dico io quando farlo”.  

Alla sentenza della Cassazione manca meno di un mese. “Mi auguro finalmente di trovare giudici che leggano le carte, perché finora sembra che nessuno lo abbia fatto. Basta solo la perizia che dice che Marco poteva salvarsi per mettere Ciontoli in carcere”, commenta Marina. “Pensare che tutto può finire in Appello aumenta solo la paura”.

Guarda qui sotto tutti gli articoli e i servizi che abbiamo dedicato all’omicidio di Marco Vannini tra cui lo speciale “Bugie e verità”.

Marco Vannini, ucciso a 20 anni dal padre della fidanzata

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.