>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

La dura vita dei pensionati italiani, sempre più in fuga verso i "paradisi dei vecchi"

L’Istat fotografa le difficoltà economiche dei nostri pensionati: oltre il 40% non arriva a 1.000 euro al mese. Con la tentazione di fuggire all’estero, come ci ha raccontato Cizco accompagnando i suoi genitori alle Canarie, “il paradiso dei vecchi”

Quasi il 40% dei pensionati italiani vivono con meno di 1000 euro lordi di pensione e 1 su 8 non arriva neanche ai 500 euro.

È il quadro sconfortante che emerge dai dati sul 2018 dell’Istat, secondo il quale grande è anche il divario all’interno di questa categoria. Il 20% dei redditi da pensione più alti, infatti, “consumano” oltre il 40% della spesa pensionistica complessiva. Una spesa che ammonta a 293 miliardi di euro, pagata a quasi 16 milioni di pensionati italiani. E una fetta sempre più importante di questa categoria ha scelto di godersi il proprio assegno mensile al di fuori dell’Italia, dove quei 1.000 euro valgono molto di più.

Gli espatriati della pensione costano alle casse dell’Inps oltre 1 miliardo di euro, erogato nei 160 paesi in cui si trovano, tra cui Canada, Germania, Svizzera. 

E Spagna,  dove i nostro Cizco nel servizio che potete rivedere qui sopra, è andato a conoscere i pensionati italiani che hanno deciso di iniziare una nuova vita alle Canarie. L’occasione è quella di far fare un giretto ai suoi genitori, che stanno valutando l’idea di spostarsi a quelle latitudini.  

“L’Italia ci ha buttato fuori a noi pensionati”, spiega Chiara, una pensionata sarda che dopo essere rimasta vedova si è trasferita lì con tutta la famiglia. “Ci stanno mandando via dal nostro Paese”, ribadisce un’altra italiana che ha scelto di ricominciare alle Canarie.  

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.