>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Carlo Gilardi, il Garante: “Si rischia un indebito ricovero” | VIDEO

Il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale si pronuncia sul caso del professore di Carlo Gilardi che da oltre cinque mesi si trova chiuso in una rsa apparentemente contro la sua volontà. Con Nina Palmieri vi abbiamo raccontato la sua storia, che continuiamo a seguire

“È ormai improcrastinabile la predisposizione di un nuovo progetto abitativo e di sostegno che sia rispondente alle aspettative di Carlo Gilardi”. Il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale si pronuncia sul caso del professore di Airuno che da quasi 5 mesi si trova chiuso in una rsa di Lecco. Con Nina Palmieri continuiamo ad aggiornarvi sulla vicenda di quest’uomo colto, mite, gentile e molto ricco di 90 anni. 

“Le indicazioni giunte dai servizi sociali avrebbero dovuto essere considerate dal giudice tutelare e dallo stesso amministratore di sostegno per costruire un progetto di vita volto a sostenere in maniera idonea il percorso esistenziale di Carlo Gilardi”, scrive Mauro Palma indicando quello che si sarebbe dovuto attuare. “Un obiettivo che si sarebbe reso certamente possibile attraverso l’attivazione di un servizio pubblico convenzionato di assistenza materiale igienico-personale sia una periodica valutazione medica e infermieristica”. 

Invece Carlo si troverebbe ancora nella rsa di Lecco apparentemente contro la sua volontà. Il Garante ricorda come il ricovero era stato “indicato inizialmente come temporanea misura per delineare un progetto di ritorno a casa”. Ma sarebbe nella rsa da oltre 5 mesi: “La mancanza di chiare progettualità volte al recupero delle condizioni domestiche e di gestione della quotidianità di Carlo Gilardi pur con tutte le cautele del caso”, conclude Palma, “determina il rischio del protrarsi di un indebito ricovero sin die, con l’evidente lesione della libertà di autodeterminarsi, configurandosi come una forma di restrizione di libertà sprovvista dal fondamento costituzionale”. 

Ultime News

Vedi tutte
Loading