>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Coronavirus in Nuova Zelanda: con 3 casi Auckland in lockdown, anche Luna Rossa si ferma

La Nuova Zelanda ha un modello di contenimento del coronavirus molto simile a quello dell’Australia: bastano pochissimi casi perché si entri in un lockdown locale per qualche giorno. Succede a Auckland, dove la città sarà limitata per 3 giorni per contenere un possibile focolaio: anche le regate dell’America’s Cup si dovranno fermare

Tre casi, tre giorni di lockdown. Sembra un contrappasso dantesco e invece è la Nuova Zelanda, Auckland per la precisione, dove da domani tutto si ferma per 72 ore per tracciare ogni possibile contatto e stroncare sul nascere un possibile nuovo focolaio di coronavirus. Nessuna eccezione, anche l’America’s Cup si deve fermare. Luna Rossa dovrà aspettare per tornare a solcare il mare.

Cosa è successo? Ieri nella città di Auckland, la più popolosa della Nuova Zelanda, sono stati registrati 3 casi di coronavirus trasmessi localmente. Il paese ha una politica di contenimento molto simile a quella dell’Australia, che vi abbiamo raccontato: bastano pochissimi contagi perché la zona finisca immediatamente in un breve lockdown.

La logica è semplice: bloccando tutto per pochi giorni si permette alle autorità sanitarie di controllare tutti i possibili contatti dei contagiati, così da circoscrivere immediatamente un possibile focolaio. Le persone positive vengono isolate nei Covid hotel e appena la situazione è sotto controllo si riparte con una vita vicina alla normalità.

Una politica che, esattamente come in Australia, ha portato i suoi frutti: dall’inizio della pandemia la Nuova Zelanda ha registrato appena 2.330 casi e 25 decessi. L’ultima vittima risale addirittura al 25 settembre 2020. Insomma un grande successo, facilitato anche dalla condizione geografica delle isole che ha permesso un totale isolamento dall’inizio della pandemia.

Così Auckland è costretta a un breve lockdown, che durerà fino alla mezzanotte di mercoledì. Ai lavoratori è richiesto di restare in smart working dove possibile, tutte le attività pubbliche resteranno chiuse a eccezione delle scuole per i figli dei lavoratori essenziali, i locali che non possono garantire il distanziamento sociale saranno chiusi. Nel resto del paese, per questi tre giorni, sarà richiesto di indossare le mascherine a bordo dei mezzi pubblici e i raduni di più di 100 persone saranno vietati.

Questo approccio precauzionale ha funzionato bene finora”, ha ricordato la prima ministra Jacinda Hardern: “Siamo consapevoli dei grandi rischi, anche per l’economia, se adesso prendessimo la decisione sbagliata”. In mezzo al lockdown si trova anche la regata più famosa del mondo, l’America’s Cup, nella quale l’italiana Luna Rossa ha finora ottenuto ottimi risultati. Per tornare a vedere la nostra portacolori solcare il mare, bisognerà attendere ancora qualche giorno.

Leggi anche

Ultime News

Vedi tutte
Loading