>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

La Rappresentante di Lista: “Nel mondo della musica le donne hanno più ostacoli da oltrepassare” | VIDEO

Abbiamo incontrato per la nostra intervista doppia Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina, il gruppo queer pop rivelazione dell’anno La Rappresentante di Lista. Insieme parliamo del loro Sanremo e del mondo della musica

Hanno un nome femminile, ma sono in due. Abbiamo incontrato per la nostra intervista doppia Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina del gruppo queer pop rivelazione dell’anno La Rappresentante di Lista. Ma che cosa significa il nome che si sono scelti? “È nato quando ho fatto la rappresentante per un referendum è al singolare perché è un progetto che ha una voce femminile”, dice Veronica. “E quando abbiamo iniziato a scrivere lo abbiamo fatto al femminile”. Hanno iniziato nel 2011, insieme hanno fatto quattro dischi ed erano sul palco di Sanremo 2021 dove si sono classificati all’undicesimo posto. “È andato una bomba”, dice Dario. “Con alti e bassi”, aggiunge Veronica.  

“Abbiamo preso in prestito la parola queer che significa libero oltre il genere, trasversale. Possiamo passare da una canzone rock a una pop a una funky o folk”, dicono. “Essere queer ha a che fare con l’essere gender fluid: quindi essere fluidi, liquidi, scivolare da una parte all’altra. Insomma una fluidità di genere”. Ma non tutti i cantanti si sentono liberi di esprimere la loro omosessualità. “Credo che ci sia ancora tanta discriminazione a riguardo”, dice lui. “Credo che ci siano alcune persone attorno all’artista che pensano sia una cosa da non rendere pubblica”, dice lei. Per Veronica l’ambiente musicale è un po’ omofobo e maschilista: “Spesso e volentieri le donne hanno più ostacoli da oltrepassare: il fatto che il corpo sia un oggetto da vendere, battutine di sottofondo…”.

C’è chi pensa che Veronica e Dario siano fidanzati: “Tra noi c’è stato qualcosa ma sporadicamente”. Lei ha provato tanto nella vita “ma la droga che preferisco è la vita”. 

 

Ultime News

Vedi tutte
Loading