>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Saluto romano in consiglio comunale a Cogoleto: tre indagati per apologia di fascismo | VIDEO

Sono indagati per apologia di fascismo i tre consiglieri di Cogoleto (Genova) che durante il consiglio comunale hanno alzato la mano per votare emulando il saluto romano. Tutto sarebbe successo nella seduta convocata nel giorno della Memoria in cui si ricordavano le vittime della Shoah

Sono indagati per violazione della legge Mancino i tre consiglieri di Cogoleto (Genova) che avrebbero votato in consiglio comunale alzando la mano emulando il saluto romano. “Una cosa molto grave, una scena assolutamente vergognosa”, l’aveva definita da subito il vicesindaco Stefano Damonte. Tutto sarebbe successo nella seduta convocata nel giorno della Memoria in cui si ricordavano le vittime della Shoah. 

Ora la procura di Genova ha indagato i tre consiglieri di opposizione vicini al centrodestra. "Si tratta di un’iscrizione doverosa perché deve essere chiaro che nel nostro ordinamento il razzismo e l'antisemitismo non sono opinioni ma delitti e la reazione deve essere immediata quando succedono certi fatti", dice all’Ansa il procuratore aggiunto Francesco Pinto. 

Le indagini sono partite dopo la denuncia da parte del sindaco Paolo Bruzzone: “Un atto necessario nel rispetto della Costituzione e nei confronti di tutti i cittadini che rappresento e delle tantissime persone che hanno manifestato sdegno verso tale episodio”. Ora la procura dovrà valutare se è mancato il rispetto dell’articolo 2 della legge Mancino che punisce "chiunque, in pubbliche riunioni, compia manifestazioni esteriori od ostenti emblemi o simboli propri o usuali delle organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi" che incitano alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi. Per i consiglieri si starebbe valutando anche la decadenza dalla loro carica pubblica. 

“Non devo giustificare nulla, questo è il mio modo di votare. Sono offeso da queste accuse infamanti”, ha detto Francesco Biamonti, uno dei tre consiglieri vicino alla Lega.

Ultime News

Vedi tutte
Loading