>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Super cashback, verso un blocco per contrastare i furbetti? | VIDEO

Il governo Draghi starebbe valutando un congelamento del premio semestrale da 1500 euro per risolvere il problema dei furbetti delle micro-operazioni di cui vi abbiamo parlato con Alessandro De Giuseppe

Il super cashback che ha scatenato i furbetti per accaparrarselo potrebbe essere bloccato fino a dicembre. Stiamo parlando del premio semestrale da 1500 euro introdotto da gennaio per le prime 100mila persone che, da inizio 2021, avranno effettuato il maggior numero di pagamenti elettronici. Un premio pensato per incentivare i pagamenti elettronici che si va ad aggiungere al cashback, che prevede la restituzione del 10% di ciò che viene speso nei negozi, fino a un massimo di spesa di 1500 euro, al solo patto che non si usino contanti.

Il punto, come vi abbiamo raccontato nel servizio di Alessandro De Giuseppe che potete vedere qui sopra, è che per ottenere il super cashback non conta quanto spendi, ma quante operazioni fai. Il risultato? Ce lo ha raccontato il segretario nazionale della Federazione Italiana Gestori Impianti Stradali Carburanti, Paolo Uniti: “I nostri gestori da tutta Italia segnalano delle operazioni ripetute in maniera compulsiva da cittadini che fanno micro-operazioni, ad esempio da 50 o 20 centesimi”. Come vi abbiamo mostrato, infatti, alcune persone hanno escogitato un metodo furbetto per rientrare nella classifica del super cashback: fare benzina alla macchina anche 10 volte in pochi minuti attraverso transazioni minuscole. “Per mettere 20 euro stanno 20 minuti”, conclude Uniti. Si tratta di un metodo perfettamente legale.

Per trovare una soluzione all’escamotage dei furbetti, il ministero dell’Economia del governo Draghi starebbe valutando un blocco del super cashback fino a dicembre, come riportano alcuni quotidiani. Nel frattempo i tecnici di PagoPa potrebbero così trovare un algoritmo in grado di individuare i micro-pagamenti e non considerarli ai fini del premio. E così i furbetti rimarrebbero a secco.

Ultime News

Vedi tutte
Loading