>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Dj Fabo, Cappato si appella al governo: “Liberiamoci da un reato risalente al fascismo”

L'appello dell'associazione Luca Coscioni prima che la parola passi alla Corte Costituzionale

“Non difendete davanti alla Corte costituzionale il codice penale fascista sull'aiuto al suicidio”. L'appello al governo Gentiloni firmato, tra i primi, da Roberto Saviano, è stato presentato dall'associazione Luca Coscioni, accompagnato dagli hashtag #concappato #stop580. La richiesta fa riferimento alla decisione dei giudici di rimettere gli atti alla Consulta alla fine del processo contro Marco Cappato per “aiuto al suicidio”.

Il leader radicale aveva accompagnato Fabiano Antoniani, 40 anni, in arte dj Fabo, in una clinica svizzera dove è morto con il suicidio assistito il 27 febbraio 2017. Con la Iena Giulio Golia avevamo seguito il caso, tanto che la nostra intervista a dj Fabo è stata trasmessa in aula come prova della sua volontà di morire.

Trasmettendo gli atti alla Corte costituzionale, i giudici di Milano hanno chiesto di valutare la stessa legittimità costituzionale del reato di "aiuto al suicidio" di cui era accusato Cappato (per cui la procura aveva chieto comunque l'assoluzione).

Il governo Gentiloni ha tempo fino al 3 aprile per decidere se intervenire a difesa della costituzionalità del reato, “risalente al codice penale promulgato dal regime fascista nel 1930 e punito con una pena da 5 a 12 anni di carcere”.

L'associazione Luca Coscioni aveva già definito il rinvio alla Corte costituzionale come "un'occasione senza precedenti per superare un reato introdotto nell'epoca fascista e per le persone affette da patologie irreversibili per ottenere legalmente l'assistenza per morire senza soffrire anche in Italia, senza bisogno di dover andare in Svizzera".

La battaglia di Cappato e dall'associazione di cui è tesoriere è partita da molto tempo. Si è poi legata alla vicenda di dj Fabo, rimasto gravemente disabile per un incidente stradale che lo aveva reso cieco e tetraplegico.

Guarda qui sotto i servizi con cui Le Iene hanno seguito e appoggiato questa battaglia

Dj Fabo, i nostri servizi

L’addio alle vittime, salite a 43, del crollo del Ponte Morandi dell’autostrada A10 tra applausi per Mattarella, governo e soccorritori (e fischi per i politici Pd). La società gestita dai Benetton si scusa perché percepita come distante ma non si assume la responsabilità della strage. L’esecutivo: via la concessione. Video e foto raccontano la tragedia 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.