>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Adriano Panzironi torna in tv con Life120, i medici: “Dobbiamo protestare” | VIDEO

Con il suo sistema di diete miracolose dice di curare mali incurabili e di allungare la vita fino a 120 anni. Adriano Panzironi torna al centro della polemica dopo la sua ospitata a “Live – Non è la D’Urso. Per primi noi de Le Iene vi abbiamo parlato del metodo Life 120 già nel 2017 con Andrea Agresti

Adriano Panzironi torna in tv con il suo metodo Life120 e non mancano le polemiche. Con le sue pillole promette di rimediare a mali incurabili e allungare la vita fino a 120 anni. Non è medico, né nutrizionista, né farmacista. È solo un giornalista pubblicista (sospeso dall’albo dei giornalisti), che noi de Le Iene per primi vi avevamo fatto conoscere nel dicembre 2017, con il primo di una lunga serie di servizi di Andrea Agresti, che potete rivedere qui sopra. 

Dobbiamo protestare. Impegniamo il nostro tempo per informare correttamente le persone su temi medici, fatichiamo per combattere le bugie mortali e poi un canale nazionale dà spazio a Panzironi. Non è tollerabile”, scrive su Twitter Roberto Burioni, medico, accademico e divulgatore scientifico.

Ieri sera Panzironi è stato ospite a “Live – Non è la d’Urso”, dove ha parlato de “Il popolo di Life 120”. Sembra il nome di un partito politico, in realtà sono i suoi seguaci. In Italia sarebbero oltre 500mila gli “angeli”, come li definisce lui, che seguono il suo programma. “Sono persone consapevoli che hanno deciso di seguire un’alimentazione corretta”, ha detto Panzironi. “Portiamo rispetto a queste persone che hanno cambiato stile di vita con Life120”.  

Ha parlato anche del suo libro e degli integratori che lui stesso produce: un miscuglio a base di spezie (curcuma, zenzero, chiodi di garofano, origano, pepe nero e cannella). Non solo la sua è una dieta “miracolosa”, ma sarebbe in grado di curare il diabete, il morbo di Crohn e perfino l’Alzheimer.

Tutto questo ha un costo, i suoi “angeli” spendono 300 euro al mese tra pillole e libri. Per lui e la sua azienda il guadagno mensile sarebbe di almeno un milione di euro. Ma lui smentisce subito direttamente a Live: “Io non guadagno nulla dalle pilloline”. La D’Urso però non ci sta e lo ferma dicendo che qualcosa da questa attività dovrà pur guadagnarla, eccome.

Infatti l’Antitrust l’ha multato per pubblicità ingannevole e anche l’ordine dei Medici l’ha denunciato. La ex ministra della Salute Giulia Grillo aveva definito le sue uscite delle “panzironate” perché “pericolose per la salute”.

Anche l’ordine dei Giornalisti non è stato a guardare. A maggio gli ha notificato una sospensione di 8 mesi dall’albo. Durante tutte le trasmissioni del suo canale Life 120 e dei circuiti che trasmettono la sua rubrica “Il cerca salute”, Panzironi dovrà evidenziare che al momento non è più un giornalista. Se non dovesse farlo, rischierebbe la radiazione.

Ma Panzironi non sembra temere nessuno. “È un onore essere attaccati quando si è nel giusto”, aveva detto durante la convention di fine giugno che ha richiamato centinaia di suoi seguaci.   

Tra questi a “Live – Non è la D’Urso” è intervenuta una seguace di Panzironi: “Con lui ho perso 9 chili e non ho più mal di testa”, sostiene la donna. Il caso più clamoroso è di Elisabetta Petricca: “Sono guarita dalle conseguenze della chemioterapia con il metodo Life120”.  

“Panzironi ha un’attività commerciale che non ha nulla a che vedere con la medicina e la formazione alla salute”, dice Maurizio Scassola della Federazione dell’ordine dei medici. “Noi siamo molto preoccupati perché le persone sono trattate come strumento commerciale. È pericoloso perché bypassa qualsiasi diagnosi”. 

Guarda qui sotto tutti i servizi e gli articoli che abbiamo dedicato ad Adriano Panzironi e alla sua dieta Life120. 

Panzironi, tutti i nostri servizi

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.