>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

David Rossi: una testimonianza clamorosa. Speciale Iene/4 | VIDEO

Quarta parte dello Speciale Iene sulla morte di David Rossi di Antonino Monteleone e Marco Occhipinti. Una testimone, che la Procura dice di aver sentito ma non ha fatto, ci fa rivelazioni clamorose

Dopo la prima parte dello speciale Iene “David Rossi: suicidio o omicidio?” di presentazione, la seconda dedicata ai dubbi sulla caduta mortale e la terza a quelli sulle indagini, nella quarta parliamo di Lorenza Pieraccini, ex segretaria dell’allora ad di Mps, Fabrizio Viola.

Lorenza non è mai stata sentita dalla Procura come invece risulta agli atti. Noi ci abbiamo parlato: ha dei dubbi anche lei sulla morte di David Rossi e ci conferma di non essere mai stata sentita dagli inquirenti.

Come vi abbiamo già accennato, David Rossi scrive via email all’allora amministratore delegato di Mps, Fabrizio Viola, che vuole andare a parlare con i magistrati. Nello scambio di email ce n’è una scritta da David due giorni prima di morire. Scrive: “Stasera mi suicidio, sul serio, Aiutatemi!!!!”.

Lorenza Pieraccini, ex segretaria di Viola, conferma che l’ad ha letto quell’email in cui David annunciava il suicidio. Quell’allarme l’avrebbero letto anche il capo della segreteria Valentino Fanti. Ma nessuno si sarebbe mosso per fermare o aiutare Rossi e nessuno dei due ora vuole parlarne con Antonino Monteleone.

Un altro elemento importante. “Secondo la testimonianza di una collega, Lorenza Bondi, alle 20.05 la porta dell’ufficio di David era aperta”, ci dice l’avvocato Pirani. “Mezz’ora dopo la porta è chiusa, David Rossi è caduto alle 19.43”. Chi ha chiuso quella porta?

Guarda qui sotto tutte le parti della nostra inchiesta. 

 

Speciale Le Iene, "Caso David Rossi: suicidio o omicidio?"

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.