>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

“Dirigente Inps senza concorso: licenziata, aveva ragione Maria Teresa Arcuri”

“Alessandra Infante, dirigente dell’Inps, è stata licenziata perché non aveva i titoli per quel ruolo”, sostiene Susanna, avvocato e figlia di Maria Teresa Arcuri, la funzionaria Inps che aveva sollevato proprio questo dubbio sul suo capo. Per averlo fatto, come vi abbiamo raccontato per primi con Roberta Rei, ha vissuto 8 anni da incubo 

Dopo 15 anni di servizio è stata licenziata Alessandra Infante, la dirigente dell’Inps assunta senza aver superato un concorso”, ci dice Susanna, avvocato e figlia di Maria Teresa Arcuri, la funzionaria che aveva sollevato per prima dubbi sui reali titoli del suo superiore e che per questo è stata sanzionata ed è finita a processo

Di questo caso anche noi de Le Iene ci siamo occupati per primi e più volte nei servizi di Roberta Rei.

Maria Teresa Arcuri ha passato 8 anni da incubo proprio perché aveva sostenuto questa mancanza di titoli. “È solo una conferma delle nostre ragioni”, commenta la figlia che sta seguendo come avvocato, assieme a Gianpaolo Stanizzi, il processo a carico della madre. “Per noi le sciagure degli altri non sono vittorie. Per noi la vittoria sarà quando ricostruiranno a mia mamma la carriera penalizzata sia sulle sue funzioni che a livello economico”.

Prosegue infatti il processo in corso dal 2013 a Maria Teresa. A novembre la Cassazione non solo ha confermato l'illegittimità del rimprovero scritto ricevuto dalla funzionaria ma ha anche condannato l'Inps a pagare tutte le spese dei tre gradi di giudizio pari a quasi 20mila euro. La sentenza parla esplicitamente di "assenza di profili di rilevanza disciplinare nel comportamento della dipendente, considerato anzi espressione dei generali doveri di cura del pubblico interesse cui i lavoratori pubblici dovrebbero sempre conformarsi". Ovvero i dipendenti statali hanno il diritto di sapere se i loro capi hanno le carte in regola.

Qualche giorno prima la figlia proprio tramite il sito de Le Iene aveva lanciato un appello al ministro del Lavoro, Luigi Di Maio: “Aiuti mia madre, mobbizzata dall’Inps”.

A oggi ci sono tutte le condizioni affinché giustizia sia davvero fatta per Maria Teresa: “Ci vorrà ancora un anno per mettere la parola fine a questo incubo, a meno che l’Inps riconoscendo effettive le ragioni di mia madre non la chiuda prima”. Intanto anche per la pubblica amministrazione si profila un danno erariale di quasi due milioni di euro che per accertarlo ci sono voluti 12 anni. I legali della Infante stanno preparando un ricorso d'urgenza per impedire il licenziamento.

Guarda qui l'ultimo servizio di Roberta Rei sul caso.

Una nostra fonte interna alla Corte costituzionale ci ha riferito che il presidente della Repubblica avrebbe telefonato al presidente della Corte Costituzionale, chiamata a pronunciarsi il 24 settembre sul suicidio assistito. Abbiamo cercato fin dalla mattina di avere la versione del Quirinale, che ha smentito solo nel tardo pomeriggio. E solo una volta uscito l’articolo. Mentre la nostra fonte conferma tutto  

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.