>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Sfregiò l'ex con l'acido: Sara Del Mastro punta ai domiciliari? | VIDEO

È accusata di stalking e lesioni personali gravissime per aver sfregiato con l’ex lo scorso 7 maggio. Dopo aver chiesto di patteggiare 5 anni di pena, Sara Del Mastro vorrebbe un’attenuazione di pena, forse puntando ai domiciliari. Con Veronica Ruggeri abbiamo seguito questa vicenda praticamente in diretta, ora cerchiamo di aiutare Giuseppe con una raccolta fondi

Ha chiesto un’attenuazione di pena, forse puntando ai domiciliari. Sara Del Mastro si è presentata in tribunale a Milano per il processo dopo l’aggressione con l’acido in cui il 7 maggio scorso ha sfregiato l’ex, Giuseppe Morgante. Noi de Le Iene ci siamo trovati a seguire il dramma praticamente in diretta con Veronica Ruggeri, che aveva appena intervistato i due per il lungo e allucinante stalking con 800 chiamate e messaggi al giorno a cui era stato sottoposto Giuseppe Morgante. Abbiamo pubblicato anche il video che ha girato pochi momenti prima dell’aggressione e abbiamo incontrato il 30enne subito dopo in ospedale (clicca qui per tutto il servizio).

Oggi Sara Del Mastro vorrebbe da una parte patteggiare 5 anni di pena come, secondo alcuni organi di stampa, già avrebbe concordato con il pubblico ministero e dall’altra punta a una riduzione della misura cautelare. Da maggio si trova in carcere a Milano, a San Vittore, ed è ipotizzabile che voglia chiedere i domiciliari. A decidere sulle richieste sarà il gup, il giudice per l’udienza preliminare, il prossimo 19 dicembre.

Ci vogliamo opporre alla possibilità di un patteggiamento. Sono sgomento della decisione dell’accusa di non contestare a Del Mastro l’aggravante della premeditazione. Se il giudice dovesse accordare i cinque anni siamo pronti a ricorrere in Cassazione”, ha commentato l’avvocato di Giuseppe Morgante, Domenico Musicco. “Se questa donna uscirà tra due anni e sarà nuovamente protagonista di altri crimini? Mi stupisce che non abbiano riaperto il caso sulla morte del suo ex morto dopo essere volato giù dalla finestra”.

Per l’aggressione a Giuseppe deve rispondere di stalking e lesioni personali gravissime. Qualche settimana fa, Veronica Ruggeri ha incontrato di nuovo il 30enne che ci ha detto di aver affrontato in questi sei mesi interventi al viso, al petto e all’occhio destro come potete vedere nel video sopra. “Mi dicono che la retina è salva, ma io vedo sfocato”. Gli sono stati praticati anche molti innesti di pelle, prendendola da gambe e braccia per metterla su petto, collo e faccia. “Sento sul corpo come la cera delle candele che tira da ogni parte”, racconta. Di notte è costretto a mettere una maschera per tenere ferma la faccia, di giorno un divaricatore in bocca.

Preferivo che veniva con una pistola o un coltello, almeno così o sei vivo o morto. Così invece significa che vuole farti soffrire”, ha detto della ex. Veronica Ruggeri ha parlato con lei poche ore prima di quella terribile aggressione. Su Iene.it abbiamo ospitato anche l’intervista esclusiva ad Arianna Penone, una conoscente del 30enne vittima anche lei di stalking da parte di Sara Del Mastro.

“Da quel giorno sono uscito solo un pomeriggio e basta. Guardo la tv, mi metto a giocare al telefono o alla PlayStation. Neanche quando avevo 12 anni facevo queste cose”, conclude Giuseppe. “Voglio solo la funzionalità della bocca com’era prima. Lo specchio non mi fa paura”.

Dopo il nostro servizio, in tantissimi ci avete proposto di avviare una raccolta fondi per sostenere le cure di Giuseppe. Insieme abbiamo già raccolto oltre 10mila euro!

CLICCA QUI PER FARE UNA DONAZIONE SULLA PIATTAFORMA GOFUNDME.

Sfregiato dall'acido

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.