>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Inps, polemiche sullo stipendio del presidente Tridico. Ma oltre 400 dirigenti prenderebbero di più

Mentre si infiamma lo scontro politico per l’aumento dello stipendio di Pasquale Tridico da 100 a 150mila euro l’anno, viene fuori che la maggioranza dei dirigenti di prima fascia dell’Inps arriva anche a 240mila euro. Un aumento forse inopportuno, ma nessuno ricorda più che fino al 2014 il presidente prendeva 1,2 milioni di euro l’anno…

 

Il caso dell’aumento dello stipendio del presidente Pasquale Tridico, passato da 100mila euro l'anno, quanto prendeva il suo predecessore Boeri, a 150mila, fa emergere ulteriori dettagli sulle retribuzioni all'Inps, l'ente al centro delle polemiche negli ultimi mesi per diversi malfunzionamenti. 

Il Resto del Carlino ha analizzato gli emolumenti del 2019 erogati dall’ente previdenziale, svelando così che su 40 dirigenti generali, ben 32 guadagnano 240mila euro l'anno, il tetto massimo previsto dalla legge per i funzionari pubblici e praticamente quanto prende il presidente della Repubblica. E circa 450 dirigenti di seconda fascia percepirebbero uno stipendio superiore a 150mila euro l'anno, e cioè la somma incassata da Tridico che ha fatto mettere le opposizioni sul piede di guerra
 
Sicuramente,  tra bug informatici, cassa integrazione in ritardo e “bonus covid” percepiti dai parlamentari, all’Inps non è il momento più opportuno per aumentare lo stipendio di Pasquale Tridico, Ma occorre ricordare un dettaglio importante: fino al 2014 al presidente dell'ente previdenziale era riconosciuto uno stipendio “stellare” di 1 milione e 200mila euro l’anno, poi ridotto dal governo Renzi al tetto massimo attuale dei 240mila euro. Insomma, la mossa è stata un autogoal. Ma è bene guardare oltre la punta dell'iceberg, se si vuole affrontare seriamente la questione degli emolumenti pubblici. 

Ultime News

Vedi tutte
Loading