>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Sfregiato dalla ex, inquietante hater: “Mi presti dell'acido per il lavandino?” | VIDEO

Si moltiplicano in queste ore messaggi preoccupanti e prese di giro atroci su Facebook contro Giuseppe Morgante, il ragazzo di Legnano sfregiato dall’acido lanciatogli dalla sua ex. Veronica Ruggeri ci ha raccontato tutta la sua tragedia praticamente in diretta: è arrivata dopo uno stalking allucinante che spesso passava proprio dai social

"Mi si è otturato il lavandino. Mi presti un po’ di acido muriatico?". Giuseppe Morgante, sfregiato con l’acido dalla sua ex, si è ritrovato sulla bacheca di Facebook questo messaggio e purtroppo non solo questo.

L’odio social riesce a sorprendere sempre in peggio e questa volta lo fa con risvolti particolarmente inquietanti. Giuseppe è stato sfigurato poco più di un anno fa a Legnano dall’acido gettato dall’ex Sara Del Mastro, condannata in primo grado a 7 anni e 10 mesi di reclusione. Una tragedia che ci siamo ritrovati a seguire praticamente in diretta con Veronica Ruggeri e che continuava già ad avere sviluppi preoccupanti come potete vedere nel nostro ultimo servizio qui sopra.

A far preoccupare ora ci pensano anche questo messaggi che in queste ultime ore si fanno sempre più frequenti. “Morgante si deve trattare come una persona, tutti questi attestati di stima non lo aiutano, lo fanno sentire ancora più diverso”, scrive una ragazza in un profilo con tanto di foto, che non sappiamo se sia reale, come anche il suo nome e cognome. Dichiara di abitare a Bergamo, scorrendo la sua bacheca si trovano altri riferimenti a Giuseppe e alla sua tragedia: “Si offende con intelligenza perché all'occorrenza la persona intelligente sa come difendersi, se offendi in modo villano Morgante farà di tutto per cercare una mano”. “Quando si perde di visibilità Morgante posta screen delle persone che lo offendono per rimanere sulla cresta dell’onda. Le disgrazie si piangono nel privato, non sul web cercando conforto”. Da queste parole sembra che ce l’abbia personalmente con lui. Uno dopo l’altro questi messaggi sono stati pubblicati nelle ultime ore. Chi si nasconde dietro questo profilo? E soprattutto: perché ce l’ha così tanto con Giuseppe?

“Non so chi sia, ma io non ho tempo da perdere dietro a queste cose…”, dice Giuseppe a Iene.it. “Lasciamo divertire i leoni da tastiera, bisogna essere sempre positivi e non arrabbiarsi". Intanto lui sta affrontando cure sempre più costose. In questi mesi è stato sottoposto a quattro operazioni, come ci ha raccontato nel secondo servizio di Veronica Ruggeri (clicca qui per il video). “Ho un occhio ormai fuori uso e a livello di pelle ho ancora bisogno di operazioni che me la ricostruiscano”, ci racconta. “Mi ritrovo a dover affrontare spese enormi”.

A marzo doveva sottoporsi a un’operazione decisiva ma l’emergenza coronavirus l’ha posticipata a data da destinarsi. Proprio ieri dall’ospedale Niguarda, dove si sottoporrà all’intervento, è arrivata la notizia della chiusura dell’ultimo reparto Covid-19: “Spero mi chiamino in questi mesi estivi, così poi passeremo all’occhio che è ancora bruciato a metà”. A ottobre 2019 abbiamo avviato una raccolta fondi che grazie alle generosità di tutti voi sta sfiorando i 15mila euro. 

CLICCA QUI PER LA RACCOLTA FONDI DESTINATA A GIUSEPPE MORGANTE SULLA PIATTAFORMA GOFUNDME

C’è anche l’iter giudiziario da seguire dopo il primo grado. “Entro il 25 agosto si saprà se si andrà in Appello”, dice Morgante. Nel primo grado non si è parlato né di premeditazione né di tentato omicidio. Oltre a pedinamenti, chiamate e messaggi, Sara Del Mastro sarebbe arrivata a creare anche roprio profili social falsi. Con nomi davvero preoccupanti come Peppemorto91, Peppemorto79 da cui partivano minacce: “Devi morire viscido”, “Non sei ancora morto? Peccato”, “Boom. E lo farai presto”. Ora sui social compaiono nuovi messaggi preoccupanti. “Quando non si offende in modo villano", si legge in uno degli ultimi messaggi. "Morgante non ti blocca perché l’ha capito che è caduto vittima dei suoi sbagli”.

Guarda qui sotto la gallery con tutti i messaggi contro Giuseppe Morgante. 

I messaggi contro Giuseppe Morgante

 
1 di 4

I medici legali di Tor Vergata avrebbero trovato una ferita di 7 centimetri sul cuore del 21enne ucciso a Colleferro e gli organi interni tutti lesionati. A parlarci della brutalità del branco che avrebbe infierito su Willy Monteiro Duarte era già stato un testimone indiretto della rissa: “Gabriele gli ha dato un calcio al torace e un pugno alla tempia, poi una volta a terra lo hanno colpito tutti”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.