>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di PECORARO |

Don Barone, altre 4 minori vittime del sacerdote

La testimonianza della sorella della 13enne vittima del sacerdote, sentita in procura a Santa Maria Capua Vetere

Sarebbero altre 4 le minorenni “indemoniate” maltrattate e abusate da don Michele Barone. È quanto emerge dalla testimonianza della sorella della 13enne abusata e maltrattata dal sacerdote, la piccola Giada, di cui vi abbiamo raccontato grazie all'inchiesta del nostro Gaetano Pecoraro sulla vicenda. Ieri, in procura a Santa Maria Capua Vetere si è svolto l’incidente probatorio, condotto dal gip Ivana Salvatore. Durante le due ore e mezza di interrogatorio, svolto con modalità protette, la sorella Arianna ha fatto i nomi di altre 4 minorenni che avrebbero subito le stesse pratiche della piccola Giada.

La ragazza ha riportato inquietanti dettagli sugli “esorcismi” del sacerdote, come “il collare” con il quale teneva Giada. “Le mise un piede in testa, le tirava con forza l’orecchio, e come in altre occasioni la costrinse a ingoiare l’ostia ferendole la bocca”, racconta la sorella della vittima, collegata in videoconferenza alla stanza dove erano presenti, oltre ai magistrati, anche don Barone, arrivato dal carcere di vallo della Lucania, il commissario Luigi Schettino, e i genitori della vittima, che hanno il divieto di avvicinamento alla minore. “Noi sorelle abbiamo più volte detto che le sue modalità erano aggressive e violente, che non eravamo d’accordo”.

Una storia dell’orrore quella che vede protagonista il sacerdote di Casapesenna, portata alla luce da Le Iene nel primo servizio di Gaetano Pecoraro sulla vicenda, andato in onda il 14 febbraio 2018. Tutto era partito proprio dal coraggio di Arianna (nome di fantasia), che aveva raccontato alla Iena della sorellina Giada, 13 anni, affetta da una patologia psichica facilmente curabile se seguita dai medici. I genitori, però, la avevano affidata a un esorcista famoso, spesso ospite anche in tv: don Michele Barone. Arianna lotta contro questa decisione, e documenta quanto può di quello che avviene: gli esorcismi violenti, i pellegrinaggi in cui Giada ha un braccio legato e il sacerdote la tiene per il collo, l’espulsione stessa di Arianna dalla famiglia, l’eliminazione dei farmaci per la sorella e la dieta a base di latte e biscotti consigliata “direttamente da un santo". Il servizio ha portato prima alla sospensione e poi all’arresto di don Michele Barone.

Continuando a indagare, abbiamo scoperto, come potete vedere nel secondo servizio del 25 febbraio, l’esistenza di una vera e propria setta attorno al sacerdote e, soprattutto, altri presunti maltrattamenti e abusi sessuali da parte del prete. Palpeggiamenti e non solo, come ci ha raccontato una vittima: rapporti orali e un tentato rapporto anale in sacrestia.

La testimonianza raccolta ieri dalla procura confermerebbe un numero sempre maggiore di vittime coinvolte negli “esorcismi” di don Barone.

Guarda qui sotto tutti i servizi di Gaetano Pecoraro e gli aggiornamenti su don Michele Barone

Don Barone, le tappe della vicenda

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.