>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Esorcismi e abusi sessuali: Don Barone in aula dopo la nostra inchiesta

Si è presentato per la prima volta in aula, in abito talare nonostante la sospensione, il sacerdote della "setta degli esorcismi", accusato di percosse e violenze sessuali su tre donne tra cui una minore. Il suo caso è stato scoperto da Le Iene con Gaetano Pecoraro: ecco tutta la storia

Don Michele Barone, il prete accusato di aver maltrattato e abusato sessualmente di tre donne tra cui una minorenne di 13 anni, si è presentato per la prima volta in aula. Dietro le sbarre del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), ha continuato a portare l’abito talare nonostante sia stato sospeso dal sacerdozio.

Si trova agli arresti da febbraio scorso, quando noi de Le Iene, con il primo servizio dell’inchiesta di Gaetano Pecoraro, abbiamo raccolto la testimonianza di Arianna, sorella della 13enne Giada (i nome sono di fantasia). Arianna ci ha raccontato di come i suoi genitori, per curare una reazione psicosomatica della sorellina, l’avessero portata da don Barone, che le avrebbe fatto interrompere le cure sottoponendola a violenti esorcismi, durante i quali la piccola sarebbe stata maltrattata. Don Barone del resto era finito spesso in tv per parlare proprio di esorcismi e di apparizioni miracolose.

Arianna lotta contro la decisione dei suoi genitori e documenta quanto può di quello che avviene durante i riti, dagli esorcismi violenti ai pellegrinaggi in cui Giada ha un braccio legato e il sacerdote la tiene per il collo.

Ma non è finita qui. Pochi giorni dopo il nostro servizio, don Barone, già sospeso dal suo ministero ecclesiale subito dopo la messa in onda, viene arrestato  con l’accusa di aver praticato violenze sessuali durante i riti di esorcismo.

Come abbiamo raccontato nel secondo servizio di Gaetano Pecoraro dedicato al caso, ci sarebbero altri episodi di maltrattamenti (tipo: pugni in bocca a una bambina, con fronte sbattuta poi in terra e piedi a schiacciare la testa) e abusi sessuali del prete. Palpeggiamenti, rapporti orali, tentativi di rapporti, sono questi gli elementi che emergono dalle testimonianze raccolte dalla nostra Iena.

Dopo il nostro intervento, la piccola Giada è stata allontanata dai genitori e ha cominciato a stare meglio, riprendendo a mangiare.

Don Barone non si era presentato alle prime due udienze. Questa si è tenuta a porte chiuse, senza la presenza di familiari e giornalisti. Assieme al sacerdote sono imputati anche i genitori di Giada e il funzionario della Polizia di Stato Luigi Schettino, che avrebbe fatto pressione su Arianna affinché ritirasse la denuncia contro don Michele Barone e accusato dagli inquirenti di non aver impedito il compimento delle azioni violente commesse dal prete, in quanto adepto della setta. Noi, naturalmente continueremo a tenervi aggiornati sul processo.

Guarda qui sotto tutti i servizi e gli articoli principali che abbiamo dedicato al caso di don Michele Barone.

Don Barone, le tappe della vicenda

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.