>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Carabiniere ucciso, la disperazione del collega: “Mario resisti, ti prego”

Il carabiniere è stato ucciso a Roma nella notte tra il 25 e il 26 luglio: per l’omicidio sono stati arrestati i ragazzi americani Finnegan Elder Lee e Natale Hjort. Ecco le parole disperate del collega che ha chiamato i soccorsi

“Mario guardami… Mario, ti prego”. “Vi prego, volate”. La drammatica richiesta di aiuto arriva dalla voce di Andrea Varriale, il collega che era con Mario Cerciello Rega la notte in cui il carabiniere è stato accoltellato a morte. Il militare è al telefono con la centrale e chiede disperatamente l’arrivo dei soccorsi: “Vi prego volate, vi prego perde un sacco di sangue. È stato accoltellato, vi prego”. E continua: “Perde una cifra di sangue e respira a mala pena, mi sono tolto la maglietta, sto tamponando io, perde una cifra di sangue”. Le ultime parole a Mario sono strazianti: "Stanno arrivando, compagno mio, dai che ce la fai".

Noi de Le Iene avevamo conosciuto Mario durante un servizio sulla "banda dei Rolex", quando aveva fermato un truffatore. Luigi Pelazza lo ha ricordato nel video che potete vedere qui sopra.

Mario Cerciello Rega era un vicebrigadiere dei carabinieri, aveva 35 anni e si era sposato solamente da 43 giorni. La notte tra il 25 e il 26 luglio è stato ucciso a Roma a coltellate mentre interveniva in piazza Farnese per fermare una squallida storia di droga. Per l’omicidio del militare sono stati arrestati due ragazzi americani, Finnegan Elder Lee e Natale Hjort. 

Nei giorni successivi all’omicidio è circolata una foto di Natale Hjorth interrogato in caserma davanti a un computer bendato e ammanettato. I carabinieri hanno aperto un’inchiesta interna sul fatto.

Durante le indagini si è scoperto che Cerciello Rega si era presentato all’appuntamento con i due americani disarmato. Restano ancora molti i dubbi su quanto accaduto quella notte: il collega Andrea Varriale, avrebbe ammesso che i due erano in borghese, in bermuda e anche lui era senza pistola e tesserino.

Qui sotto trovate tutti gli articoli e i servizi che abbiamo dedicato a questo caso.

Carabiniere ucciso: i nostri articoli e servizi

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.