>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Carabiniere ucciso, legale del ragazzo bendato: “Richiesta di scarcerazione”

L'ha annunciata l’avvocato dell’americano Gabriel Christian Natale Hjorth, il ragazzo fotografato bendato e ammanettato in caserma, accusato di concorso nell’omicidio del vice brigabiere Mario Cerciello Rega. Mentre il legale dell’altro ragazzo Finnegan Lee Elder, reo confesso, attacca le indagini

È un ragazzo giovane ed è molto provato, presenteremo istanza di scarcerazione al Tribunale del Riesame: il papà è venuto ieri e tornerà nei prossimi giorni”. A dichiararlo è Fabio Alonzi, avvocato di Gabriel Christian Natale Hjorth, il ragazzo americano accusato di concorso nell’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega, fotografato bendato e ammanettato in uno scatto che ha scatenato molte polemiche in questi giorni.

A uccidere il vice brigadiere con 11 coltellate per una squallida storia di droga sarebbe stato l’amico e connazionale di Hjorth, Finnegan Lee Elder, che ha confessato. Il suo legale Craig Peters va all’attacco delle indagini: "Non so cosa è successo. Sono convinto che a questo punto ci siano delle buone probabilità che nemmeno la polizia sappia cosa è successo. La famiglia attende di vedere il figlio. È qui che hanno trascorso la loro Luna di Miele. Hanno un grande amore per l'Italia. Sono devastati dal fatto che questa cosa sia accaduta qui".

Avevamo conosciuto Mario durante l’intervento dei carabinieri in un servizio di Luigi Pelazza sulla “banda dei Rolex”. Qui sotto potete vedere il ricordo della Iena dell'amico carabiniere e in fondo tutti i servizi e gli articoli che abbiamo dedicato a questo caso.

 

Carabiniere ucciso: i nostri articoli e servizi

L'ultima puntata

Appuntamenti in TV

martedì e domenica ore 21.15, Italia 1

I SERVIZI DELL'ULTIMA PUNTATA

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.