>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

David Rossi si è suicidato o è stato ammazzato? Lo speciale Iene | VIDEO

I dubbi: dalla caduta mortale del capo delle comunicazione Mps alle indagini, da una testimonianza esclusiva ai festini a base di sesso e droga. Fino alle rivelazioni clamorose sul Vaticano. Ecco lo speciale di Antonino Monteleone e Marco Ochhipinti

David Rossi, il capo della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, si è suicidato o è stato ucciso quando il 6 marzo 2013 è volato giù dalla finestra del suo ufficio mentre la banca era in piena bufera giudiziaria, mediatica e finanziaria?

Se ve lo siete perso o lo volete rivedere, ecco qui sopra, tutto lo Speciale Iene dedicato al caso, che potete ripercorrere nelle sue 6 parti anche nei link e nei pezzi che vi riproponiamo in fondo all’articolo. È un viaggio in un pezzo importante della storia d’Italia che vale davvero la pena, con rivelazioni finali sul Vaticano davvero clamorose.

Iniziamo con il video della caduta e della morte di David e con tutti i dubbi che genera sulla tesi del suicidio, con cui le indagini sono state archiviate per due volte. 

Capitolo indagini: vi riassumiamo in 10 punti quello che si poteva fare e non è stato fatto. Partendo da quello che ci ha detto l’ex sindaco di Siena, Pierluigi Piccini.

Passiamo poi a una testimone fondamentale nell’inchiesta: la Procura dice di aver sentito Lorenza Pieraccini, lei dice che non è mai successo. Con noi ha parlato di sicuro e ci ha aperto nuovi scenari.

Festini a base di sesso e droga nel Senese: un escort ce li racconta. Potrebbero davvero aver influenzato le indagini?

Alla fine arriva l’incontro più clamoroso: quello con Gotti Tedeschi, ex presidente dello Ior, la banca del Vaticano. E, tra tangenti, omicidi e molto altro, le sue dichiarazioni sono sono a dir poco esplosive.

Qui sotto trovate tutti i servizi successivi a questo speciale.

David Rossi, i nuovi servizi de Le Iene

dopo il nostro servizio
Hatem Moustafa, il padre della ragazza italiana di origini egiziane morta dopo essere stata brutalmente picchiata in Inghilterra da un gruppo di giovanissime bulle come vi abbiamo raccontato con Pablo Trincia, commenta la condanna per due di loro a 8 e 12 mesi: “Una parente mi ha riso in faccia, sono in guerra da solo contro l’Inghilterra, per salvare la mia famiglia: perché l’Italia non mi aiuta?”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.