>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Omicidio di Willy, quell'insulto razzista di Alessandro Bianchi a un egiziano | FOTO

Il fratello di due dei quattro giovani arrestati per la morte di Willy Monteiro Duarte ha negato che i ragazzi siano fascisti o razzisti. Eppure lui stesso ha commentato così un post del fratello Gabriele che risale a qualche anno fa: “Negraccio, brucia all’inferno”

La famiglia di Gabriele e Marco Bianchi, due dei quattro giovani accusati dell’omicidio preterintenzionale di Willy Monteiro Duarte di cui vi abbiamo parlato qui, ha fatto quadrato attorno ai ragazzi: “Non sono assassini e non hanno ucciso nessuno… fascismo e razzismo sono cose che non esistono”. Così ha detto al Corriere della Sera Alessandro Bianchi, il fratello maggiore dei due. Noi vi mostriamo un post su Facebook, datato 2011, che lascia più di un interrogativo
 

 

Gabriele commenta un brutto fatto di cronaca: un 17enne egiziano getta dal balcone di casa un cane che poco prima aveva morso il fratello. Gabriele scrive: “Lurido egizziano de m***a te possa da na paralise secca pozzi rimane' senza respiro, pozzi crepa lentamente, spero che qualcuno ti venga a cercare e che ti affoghi nella m***a schifosissimo essere figlio di p*****a se cè ancora la guerra nel tuo paese di m***a spero che ti uccidono adesso bastardooooooooo”.

Un messaggio di odio al quale si unisce nei commenti proprio il fratello Alessandro, che commenta così: “Egiziano de m***a che tu possa bruciare all’inferno mi piacerebbe averti 10 minuti tra le mani il pezzo più grande rimarrebbe un tuo occhio negraccio de m***a”. Tralasciando le altre imprecazioni, come valutare la parola "negraccio" se non un inaccettabile insulto di stampo razzista?

Su Iene.it ci siamo occupati della tragica morte di Willy, raccontandovi e mostrandovi il video dei combattimenti di MMA di Marco Bianchi, uno dei 4 giovani arrestati per omicidio preterintenzionale (a uno di loro, Francesco Belleggia, sono stati concessi ora i domiciliari), i post scherzosi che Gabriele Bianchi aveva messo sulla sua pagina Fb poche ore dopo la morte di Willy, il video di risposta del campione di MMA Marvin Vettori, che difende il suo sport dalle critiche, il racconto dell’aggressione di Mario Pincarelli a un vigile urbano che gli aveva detto di mettere la mascherina e il post di un ex leghista che se l’è presa con Willy, la vittima, poi scusandosi.
 
Continueremo a seguire questa vicenda, con testimonianze e notizie esclusive. Se avete da raccontarci qualcosa in merito, potete farlo scrivendo alla mail redazioneiene@mediaset.it

 

Ultime News

Vedi tutte
Loading