>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
Play
Dai dubbi sulla caduta mortale del capo delle comunicazione Mps a quelli sulle indagini, da una testimonianza che apre nuovi scenari ai festini a base di sesso e droga. Fino alle rivelazioni clamorose sul Vaticano. Tutto lo speciale di Antonino Monteleone e Marco Occhipinti

David Rossi, il capo della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, si è ucciso o è stato ucciso quando il 6 marzo 2013 è volato giù dalla finestra del suo ufficio mentre la banca era in piena bufera giudiziaria, mediatica e finanziaria?

Partiamo, nel nostro speciale diviso in 6 parti e che vedete integralmente qui sopra, dal terribile video della caduta e della morte di David e da tutti i dubbi sulla tesi del suicidio, con cui le indagini sono state archiviate per due volte e che sembra non convincere a un’attenta analisi del filmato. 

Le indagini? Vi raccontiamo in 10 punti tutto quello che si poteva fare e non è stato fatto. Partendo dalle dichiarazioni dell’ex sindaco di Siena, Pierluigi Piccini.

Lorenza Pieraccini è una testimone fondamentale nell’inchiesta: la Procura dice di averla sentita, lei dice che non è mai successo. Con Antonino Monteleone però ha parlato di sicuro, con un racconto che apre nuovi scenari.

Capitolo festini a base di sesso e droga. Un escort ce li racconta, con paura. Possono davvero aver influenzato le indagini, come ipotizza l’ex sindaco di Siena, Pierluigi Piccini?

L’incontro più clamoroso: le rivelazioni di Gotti Tedeschi, ex presidente dello Ior, la banca del Vaticano, sono a dir poco esplosive. Tra tangenti, omicidi e molto altro.

Ecco qui sotto le sei parti dello Speciale Iene “David Rossi: suicidio o omicidio?”.
 

Speciale Le Iene, "Caso David Rossi: suicidio o omicidio?"

video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.