>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Bambini picchiati all'asilo: altre 2 maestre sospese, è allarme maltrattamenti?

Dopo le maestre arrestate ad Ariccia, altre due insegnanti di asilo sono state sospese per maltrattamenti su bambini in una scuola materna di Cassino in provincia di Frosinone. Vicino a dove la nostra Veronica Ruggeri è andata a indagare

È emergenza maltrattamenti negli asili di Italia o quanto meno nel Lazio? Al caso delle tre insegnanti arrestate assieme a una bidella dell’asilo di Ariccia questa settimana, se ne aggiungono altri due: quello dell’arresto per maltrattamenti continuati di un’insegnante di una scuola dell’infanzia del quartiere Magliana di Roma e quello della sospensione di due maestre di 54 e 63 anni di un asilo di Cassino in provincia di Frosinone.

Ti faccio sputare io per terra, animale”: si sentono urlare ai bambini frasi come queste nelle intercettazioni dei carabinieri. “Se fai cadere l’acqua è meglio che ti scavi la fossa, adesso vado a prendere la corda e ti lego sulla sedia”.

A volerci vedere chiaro sono stati cinque genitori che per primi hanno presentato denuncia ai carabinieri. Hanno iniziato a vedere i loro figli sempre più aggressivi e che ripetevano frasi mai sentite prima contenenti minacce e insulti. Così si sono rivolti alle forze dell’ordine che hanno installato le telecamere nelle aule dell'asilo. 

Dopo pochi giorni sono arrivate purtroppo le conferme. Quei bambini di età compresa tra i 3 e i 5 anni sarebbero stati picchiati, strattonati e trascinati dalle maestre ora sospese.

Quello si teme è che vi sia un’emergenza negli asili di tutta Italia. Perché queste maestre diventano così violente? E’ una domanda che noi de Le Iene ci siamo fatti nel servizio di Veronica Ruggeri e continuiamo a farci ogni volta che vengono accertati maltrattamenti, che insistiamo a raccontarvi puntualmente, caso per caso. Perché queste maestre sono lasciate sole e non c’è al loro fianco nessuna autorità scolastica che possa cogliere dei campanelli d’allarme? Nel Lazio e nella zona di Roma in particolare non si poteva intervenire prima? 

Adesso vengo lì e ti lego le mani, è l'unica soluzione”: è una delle tanti frasi choc di un’altra maestra d'asilo. Avrebbe picchiato, strattonato e umiliato alcuni piccoli davanti a tutti. Per venticinque bambini e le loro famiglie l'incubo è finito lo scorso 10 aprile, quando la maestra della materna Bagatti Valsecchi di Varedo, vicino a Monza, è stata arrestata.

Pochi giorni più tardi, il 21 aprile, sono finite in manette una maestra e una cuoca a Gavirate (Varese) per 45 episodi di violenza su 14 bambini. Avrebbero tirato ciabattate, sberle e strattoni ai bambini. Lo stesso choc che hanno dovuto subire altri, sempre tra i 3 e i 5 anni, a Pomezia, vicino a Roma. Era il 13 marzo, quando sono state arrestate le tre maestre che avrebbero strattonato per le braccia e preso per i capelli i piccoli.

Dal fenomeno dei maltrattamenti dei bambini pare non restano escluse neppure le strutture paritarie. A fine giugno, quattro suore di una materna paritaria di Caserta sono state arrestate con l’accusa di aver malmenato alcuni bambini.

Un altro caso ci porta in un asilo di Pero, in provincia di Milano: un maestro è stato arrestato con l’accusa di aver picchiato almeno 42 volte i bambini in un mese.

Guarda qui sotto il servizio di Veronica Ruggeri sui maltrattamenti di bambini all’asilo.

 

anticipazione

Ecco un'anticipazione dell’intervista esclusiva di Gaetano Pecoraro all’ex brigatista Alvaro Lojacono, condannato all’ergastolo in Italia per il sequestro Moro, in cui commenta le azioni di Matteo Salvini. Domenica con il ritorno de Le Iene, non perdetevi il servizio completo dalle 21.10 su Italia1

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.