>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Un'altra morte nel boschetto della droga: a quando una soluzione concreta?

Aveva appena 25 anni il ragazzo morto per un’overdose nel boschetto della droga di Milano. L'ennesimo caso di uno dei tanti parchi diventati terra di spacciatori e tossici alla ricerca di una dose

Sarebbe stata un’overdose da sostanze stupefacenti a stroncare il 25enne morto nel pomeriggio di ieri nel boschetto della droga di Rogoredo, periferia a sud-est di Milano. Il corpo del ragazzo senza vita è stato scoperto in via Orwell a pochi passi dalla stazione della metropolitana, in una delle aree di spaccio a cielo aperto di eroina, e non solo, più grandi d’Europa.

Sono 700 i tossicodipendenti che arrivano lì ogni giorno a rifornirsi. Sono in molti a prostituirsi direttamente sul posto per procurarsi i soldi. Pochi euro per assicurarsi una dose da consumare subito nel bosco. Sono ripetuti gli interventi e i blitz da parte delle forze dell’ordine per riportare legalità e sicurezza anche in questa parte di città. Ma evidentemente non basta, o comunque non può essere l'unico tipo di intervento per risolvere una questione che va avanti da anni.

Con Cizco vi abbiamo raccontato il nuovo boom dell’eroina a basso costo, relegata in periferia, in un’area però che normalmente, e da ormai vent’anni, è fuori dal controllo dello Stato e sotto la sorveglianza degli spacciatori che, all’entrata del boschetto, vicino alla stazione di metro e treni di Rogoredo, hanno le loro sentinelle perfettamente organizzate. E il servizio è efficiente: Cizco viene riconosciuto all’entrata dalla prima persona che incontra. I numeri sono impressionanti: 700 clienti per un giro d’affari giornaliero da 30 mila euro.

Il fenomeno di Rogoredo purtroppo non è isolato. Nei giorni scorsi siamo entrati in un altro bosco della droga, quello del Parco delle Groane alle porte di Monza. Ci siamo ritrovati faccia a faccia con tossici e spacciatori. Alcuni di loro sono stati costretti a scappare bestemmiando perché abbiamo mandato in fumo i loro affari. Attorno a loro siringhe e rifiuti legati al consumo di droga che ogni settimana cittadini e volontari raccolgono per strappare questi luoghi allo spaccio. 

Guarda il servizio completo di Cizco nel bosco della droga di Rogoredo e il nostro blitz in quello del parco delle Groane

Attenzione!
La visione di questo video è vietata ai minori. Accedi per verificare i tuoi dati.Ci dispiace, la tua età non ti permette di accedere alla visione di questo contenuto.

 

 

I boschetti della droga di Milano

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.