>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di DE GIUSEPPE |

Bramini, la diretta Facebook: si va verso lo sgombero

Sembra volgere al peggio la situazione a Monza per l'imprenditore, fallito pur vantando 4 milioni di euro di crediti mai pagati dallo Stato. Sembrano saltate anche le ultime mediazioni

Momenti drammatici a Monza dove sembrano fallite tutte le mediazioni per evitare lo sgombero da casa di Sergio Bramini, l'imprenditore fallito pur vantando 4 milioni di euro di crediti mai pagati dallo Stato. Come vedete nelle immagini della diretta Facebook qui sopra, sono palesi la rabbia e il pessimismo di Andrea Innocenti, consulente di Sergio, e di Bramini stesso. "E ora che succede?", chiedono dalla folla accorsa in solidarietà all'imprenditore e disposta a legarsi ai muri per evitare lo sloggio. "Che vengano a prendermi, che mi portino fuori con la forza!", risponde Bramini

Noi abbiamo seguito questa incredibile vicenda, per primi, sin dall'inizio con il nostro Alessandro De Giuseppe. E continuiamo a raccontarvela, naturalmente anche ora.

Oggi, dopo un primo appello dell'imprenditore c'era stata la visita del segretario della Lega Matteo Salvini, seguita a quella di ieri sera del capo politico del M5S, Luigi Di Maio. Ci siamo fatti anche portavoce dell'appello dell'imprenditore di Monza ai ministri MinnitiPadoanCalenda e Madia, insieme al primo ministro Gentiloni. Abbiamo ottenuto una lettera, a firma del ministro dello Sviluppo economico Calenda e della Pubblica amministrazione Madia, rivolta a Nello Musumeci, presidente della Regione Sicilia, ente da cui Bramini attende una percentuale molto importante di denaro per la sua attività di riciclaggio dei rifiuti. Ma non ci sono stati sviluppi ulteriori.

Ecco le tappe precedenti della sua storia. Avevamo seguito il caso Bramini con i due servizi della Iena Alessandro De Giuseppe “Quando lo Stato non paga i debiti” e “Quando lo Stato ti porta via tutto”.  Lo sgombero da casa era previsto per il 16 aprile: c’eravamo anche per il sit-in convocato a Monza per cercare di fermarlo. In una giornata concitata e piena di colpi di scena, che vi abbiamo raccontato sempre in diretta via Facebook, lo sgombero era stato posticipato all’1 giugno.

Oltre il danno, poi è arrivata anche la beffa: lo sgombero è stato anticipato al 18 maggio, perché il primo giugno, a causa della Festa della Repubblica dell'indomani, le forze dell’ordine potrebbero essere sotto organico. Bramini intanto si è appellato anche alla neopresidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, visto che la sua casa è stata scelta come domicilio parlamentare dal senatore Gianmarco Corbetta (M5S). Domenica 29 aprile è andato in onda un nuovo servizio di Alessandro de Giuseppe sul caso (con tanto di fuga di un giudice dalle sue domande). È attivo anche un crowdfunding, una raccolta di fondi  per aiutare Bramini

Sulla vicenda, il 24 aprile, il presidente del Tribunale di Monza, Laura Cosentini, ci aveva inviato i propri "Chiarimenti sulla vicenda giudiziaria del sig. Bramini", che potete leggere integralmente cliccando qui sotto.

Scarica allegato


In precedenza, il 6 aprile, il presidente del Tribunale di Monza ci aveva mandato i propri "Chiarimenti sul servizio 'Quando lo Stato ti porta via tutto'". Potete leggere anche questi cliccando qui sotto.

Scarica allegato


Qui sotto trovate invece tutti i servizi e gli articoli che abbiamo dedicato al caso Bramini.

Bramini, i nostri articoli e i servizi sul caso

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.