>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Pedofilia, l'ombra di don Silverio nell'omicidio dell'attivista gay Ruggiero

Ciro Guarente avrebbe subito in adolescenza abusi sessuali da don Silverio Mura. Da quel trauma forse le origini dell’omicidio di Vincenzo Ruggiero per motivi passionali

Ci sarebbe un’altra vittima di pedofilia nel passato di don Silverio Mura. Il nome del sacerdote, accusato di pedofilia, sarebbe collegato a quello di Ciro Guarente accusato dell’omicidio dell’attivista gay Vincenzo Ruggiero. Il dettaglio di don Silverio Mura è emerso nell’ambito delle indagini difensive del 36enne.

Sono gli anni ’80, Ciro Guarente frequenta la parrocchia di Ponticelli, nella zona di Napoli. In questi anni il parroco è don Silverio Mura. E’ in questo contesto che l’allora minorenne entra in contatto con il sacerdote. Da qui sarebbe iniziato un lungo periodo di violenze sessuali testimoniate non solo da Guarente, ma anche da altre vittime dirette, tra cui Diego Esposito, il cui caso seguiamo a partire dal servizio di Pablo Trincia del 7 marzo. Un incubo che l’allora ragazzino avrebbe portato dentro di sé, senza riuscire a trovare il coraggio di denunciarlo. Fino ai 35 anni, quando l’ex marinaio preso da un raptus omicida uccide a colpi di pistola l’attivista gay Vincenzo Ruggiero.

È la sera del 7 luglio 2017, attende la sua vittima fuori dalla sua casa. In quel periodo Vincenzo Ruggiero conviveva con la trans Heven Grimaldi, che sarebbe stata prima la fidanzata dello stesso Guarente. Una volta freddato, Ciro Guarente avrebbe sfogato la sua ira sul cadavere, facendolo a pezzi e occultandolo in un autolavaggio poco distante. Nell’omicidio sarebbe coinvolto anche Francesco De Turris, accusato di aver ceduto al presunto omicida la pistola calibro 7.65 utilizzata per freddare la vittima. Il movente passionale, secondo la difesa, affonda le sue radici in un’infanzia tormentata dagli abusi sessuali che sarebbero stati compiuti da don Silverio Mura.

Guarda qui sotto nella gallery le foto del servizio sugli abusi che avrebbe subito Diego Esposito da don Silverio Mura.

"Io, vittima di pedofilia nella Chiesa": le foto

1 di 73

 

Lo stesso sacerdote di cui ci stiamo occupando da tempo. Il 7 marzo abbiamo raccontato in onda la sua storia in un servizio di Pablo Trincia: Diego Esposito, che ora dopo la morte del figlio ha mostrato il suo volto e rivelato la sua vera identità, ci ha detto di essere stato vittima, 30 anni fa, quando ne aveva 13, di abusi sessuali sistematici (“rapporti sessuali completi, 2-3 volte la settimana per 3 anni e mezzo”) da parte del suo insegnante di religione don Silverio Mura, che hanno segnato la vita di lui e di altre giovani vittime. Ci sarebbero infatti altre nove persone disposte a testimoniare per quello che, come sostiene la Iena, potrebbe essere "uno dei più grossi casi per abusi sessuali all'interno della Chiesa italiana". 

 

Guarda qui sotto le foto del servizio di Pablo Trincia e gli altri articoli e servizi principali che abbiamo dedicato al caso.

Pedofilia nella Chiesa: i servizi e gli articoli su Diego

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.