>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

È morto Pippo, il cane di Davide Acito strappato dal macello in Cina | VIDEO

È morto Pippo, il cane di Davide Acito, diventato simbolo della lotta contro il festival di Yulin, dove vengono macellati i cani in Cina. Il pechinese era stato ospite in studio durante la puntata de Le Iene in cui vi abbiamo mostrato il servizio di Giulia Innocenzi con le immagini orribili di questa tradizione cinese

È stato il protagonista di una puntata de Le Iene, ospite in studio al fianco di Alessia Marcuzzi e Nicola Savino, come potete vedere nel video qui sopra. È morto Pippo, il cane di Davide Acito, diventato il simbolo della lotta contro il festival della carne di cane in Cina. E' stato proprio l'attivista a comunicarlo su Facebook nella notte del 29 aprile. 

Pippo era un pechinese di tre anni che ha rischiato di finire sulle tavole cinesi nel giugno scorso. Giulia Innocenzi e Francesca Di Stefano hanno documentato le immagini terribili di questo festival che in Cina è una tradizione.

I numeri riportati dalle associazioni internazionali che si occupano di difesa degli animali e di contrasto al mercato alimentare della carne di cane parlano di oltre 10mila cani e almeno 400 gatti uccisi ogni settimana in Cina. Per Davide Acito, fondatore di “Action Project Animal”, salvare questi animali è diventata una missione.

Con lui avevamo seguito passo dopo passo anche tutte le adozioni, e molti di voi si sono offerti di offrire il proprio divano ai cani salvati dal macello. Tra loro c’erano Peste e Lucky, Litzy, Jack e Sally, che abbiamo atteso all’atterraggio a Malpensa e che nei giorni seguenti sono stati accolti nelle loro nuove famiglie.

Tra loro c’era anche Pippo, il cagnolino morto ieri e che era stato salvato nella prima missione di Davide Acito in Cina. L'attivista gli ha dedicato queste parole sulla sua pagina Facebook. “Non riesco a realizzare che non ci sei più. Non voglio accettarlo, so che prima o poi mi rassegnerò, ma per intanto il dolore è forte...nell'anima”, ha scritto. “In ogni istante mi manca il fiato... manca il tuo respiro, il tuo profumo, manca tutto di te, anche il mio cuore ha cambiato battito, perché i nostri cuori battevano insieme. Mi manchi da morire Pippo”.

Tra meno di due mesi, l’orrore di Yulin si ripeterà. Dal 21 giugno per dieci giorni ci sarà la nuova edizione del festival cinese. Migliaia di persone in tutto il mondo si stanno già mobilitando sotto lo slogan #StopYulin per fermare il massacro che porterà a morte certa almeno 10mila cani destinati alle tavole cinesi.

Guarda qui sotto il servizio integrale di Giulia Innocenzi realizzato al Festival di Yulin

Attenzione!
La visione di questo video è vietata ai minori. Accedi per verificare i tuoi dati.Ci dispiace, la tua età non ti permette di accedere alla visione di questo contenuto.

 

Guarda qui sotto tutti gli articoli e i servizi che abbiamo dedicato a questa campagna.

Carne di cane come cibo macellata al mercato: i nostri servizi e articoli

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.