>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Stop alle armi italiane sui civili in Yemen: sì alla mozione, e il governo? | VIDEO

Alla Camera passa una mozione di Lega e Cinque Stelle per spingere il governo a bloccare l’esportazione verso l’Arabia Saudita, impegnata nella guerra in Yemen, di bombe d’aereo e missili. L’opposizione attacca: “Perché non tutte le armi?”. Nessun passo ancora dall'esecutivo. Le Iene con l’inchiesta di Giulia Innocenzi vi hanno mostrato come il nostro Paese continui a vendere e a far transitare dai nostri porti gli armamenti destinati al teatro di guerra, dove continuano a morire i civili

Il governo deve sospendere immediatamente l’esportazione di bombe d’aereo e missili destinati all’Arabia Saudita per la guerra in Yemen: la Camera ha appena approvato, con 262 sì, la mozione in tal senso proposta da Lega e Cinque Stelle. La mozione punta anche “all’immediato cessate il fuoco e l’interruzione di ogni iniziativa militare in Yemen”. Su questo tema ci siamo occupati noi de Le Iene siamo stati da sempre in prima linea (sopra, potete vedere il servizio di Giulia Innocenzi, in basso gli altri articoli e servizi che abbiamo pubblicato).

Gli estensori della mozione chiedono anche che il governo si impegni per giungere ad un embargo sulla vendita di armamenti ad Arabia saudita ed Emirati Arabi Uniti. Polemica l’opposizione, che con Pd, Leu, Fratelli d’Italia e Forza Italia chiedono: “Perché solo bombe d’aereo e missili e non tutte le altre armi?”. “E’ una vera vergogna, una pietra tombale sull’autorevolezza del nostro Paese”, commenta Ivan Scalfarotto del Pd. Le opposizioni avevano presentato quattro mozioni in tal senso, tutte bocciate. Intanto il governo continua a non muovere passi concreti.

Una sospensione alle forniture di armi che recentemente è arrivata dal governo britannico, in contemporanea all’analogo voto del Senato Usa.

Noi con Giulia Innocenzi vi abbiamo raccontato come l’Italia continua a vendere e a far transitare questi armamenti, che vanno a uccidere spesso i civili, bambini compresi. E stando a dati Istat, nel 2018 la fabbrica d'armi italiana Pietro Beretta avrebbe esportato armi in Arabia Saudita per 2,8 milioni di euro. 

Il governo italiano fino a oggi è sembrato avere quanto meno altre priorità. “Siamo contro la vendita di armi ai Sauditi, manca solo la formalizzazione della decisione", aveva detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Ma la formalizzazione non è ancora arrivata, come emerge dalla Relazione del Governo al Parlamento sulle esportazioni di armamenti relative all'anno 2018.

Nel nostro Paese così sono stati i portuali genovesi ad aver dato un forte segnale. Circa un mese fa, infatti, come vi abbiamo raccontato, il porto di Genova si era mobilitato per evitare che la nave saudita, la Bahri Yanbu, caricasse a bordo i generatori della “Defence Tecnel” di Roma, destinati al teatro di guerra yemenita.

Eppure in Italia la legge 185 del 1990 vieta il transito dal nostro Paese di armamenti destinati a Paesi in guerra.

Il senatore Gianluca Ferrara (M5s) , in una lettera indirizzata a Le Iene, aveva detto: “La legge 185 in questi trent’anni è stata depotenziata e sistematicamente violata”. Il senatore ha depositato un disegno di legge, già sottoscritto da 65 parlamentari che, spiega, “prevede più divieti, più controlli, più poteri al Parlamento e una parziale e progressiva riconversione industriale da uso bellico e civile dell’azienda bellica sarda”.

Il disegno di legge intende ripristinare anche il comitato interministeriale abrogato nel '93 ristabilendo una responsabilità politica sulla concessione delle autorizzazioni e le eventuali sospensioni. “Vieteremo la vendita a quei Paesi che non hanno firmato il Trattato sul commercio delle armi del 2013 e il divieto verrà esteso anche ai nostri alleati”, conclude Ferrara. “L’obiettivo è far sì che anche quando non ci sia una volontà politica, la legge sia chiara e possa fermare nuove e vecchie autorizzazioni”.

Ecco qui sotto i servizi e gli articoli principali che abbiamo dedicato al tema.
 

La guerra in Yemen e le bombe italiane: i nostri articoli e servizi

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.