>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Guerra in Yemen, sono passati quattro anni. E dall'Italia partono ancora le armi | VIDEO

Il 26 marzo 2015 è caduta la prima bomba in Yemen, e la guerra non sembra vedere la fine. Con Medici senza frontiere vogliamo raccontarvi la vita in un ospedale a due ore dal fronte

CLICCA QUI PER FIRMARE LA PETIZIONE PER CHIEDERE AL GOVERNO DI VIETARE LE ARMI ITALIANE IN YEMEN

La prima bomba caduta in Yemen è datata 26 marzo 2015, precisamente quattro anni fa. E da allora è partita una guerra di cui non si vede la fine. Oltre 19.000 raid aerei, 13 al giorno, più di uno ogni due ore. Gli attacchi condotti dalla coalizione a guida Arabia saudita hanno ucciso più di 6500 minori. 10.000 morti in tutto. E l'ultima notizia dallo Yemen riguarda il colera: dall'inizio dell'anno sono 110.000 i casi, con 190 morti. 

Noi vi abbiamo raccontato delle responsabilità italiane nella guerra in Yemen con diversi servizi che potete vedere sotto. Dal nostro paese infatti verrebbero vendute o transiterebbero armamenti che finirebbero nelle mani della coalizione saudita. E questo contro la nostra stessa legge, la 185 del 1990, che vieta di vendere armi a paesi in guerra. Giulia Innocenzi è andata a chiedere al ministro degli Esteri Moavero perché non vieta la vendita e il transito di armamenti, visto che è lui il diretto responsabile. Ma il capo della Farnesina ha preferito non rispondere. A favore di un divieto immediato invece è la ministra della Difesa Trenta: "E' un'indecenza che il nostro paese sia in qualche modo coinvolto nella guerra in Yemen", ha detto a Le Iene. E dello stesso avviso sembrerebbe anche il primo ministro Conte, che ha detto che il governo è contrario alla vendita delle armi alla coalizione saudita, e che manca solo la formalizzazione della decisione. Eppure non è ancora arrivata. E intanto la guerra prosegue.

E con Medici senza frontiere vogliamo raccontarvi la vita in un ospedale a due ore dal fronte, a Mocha, a metà strada tra Aden e Hodeidah, dove si stanno concentrando alcuni dei combattimenti più sanguinosi, nel video che potete vedere sopra. E' stato aperto da Msf nell'agosto del 2018, ed è l'unico della regione a disposizione dei civili. L'ong ha diverse strutture in Yemen, e ben cinque suoi ospedali sono stati bombardati dalla coalizione saudita. Un vero e proprio crimine di guerra vietato dalla legge internazionale.

- CLICCA QUI PER AIUTARE SUBITO   

Amnesty International ha raccolto delle testimonianze brutali da bambini. “Lui ha iniziato a colpirmi col calcio del fucile e con calci e pugni mi ha spinto contro il muro. Allora ha detto che voleva stuprarmi”. A parlare è un 16enne di Ta’iz, in Yemen, e l’uomo a cui si riferisce è un miliziano. “Io ho iniziato a piangere e a pregarlo di considerarmi come suo figlio. Si è infuriato ancora di più e ha ripreso a picchiarmi. Poi mi ha preso per il collo, mi ha spinto a terra e mi ha stuprato”.

Amnesty denuncia lo stupro in quella città di minorenni, bambini e bambine anche di soli 8 anni. In tre casi si tratta di stupro, in uno di tentato stupro. Tra gli autori ci sarebbero anche miliziani legati alla coalizione guidata dall’Arabia Saudita


Qui sotto potete vedere gli articoli e i servizi principali che abbiamo dedicato alla guerra in Yemen.

La guerra in Yemen e le bombe italiane: i nostri articoli e servizi

Per il quinto giorno consecutivo gli Stati Uniti registrano un record nell’aumento di casi di coronavirus. Ma più che di una seconda ondata si tratta dei frutti di una gestione sbagliata della pandemia, segnata da riaperture troppo affrettate e sottovalutazione della gravità della crisi. Un pericolo che per fortuna l’Italia ha finora evitato con un lockdown che non è stato troppo lungo, ma esattamente quanto necessario

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.