>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di Monica Skripka |

La lotta contro il mercato della carne di cane arriva al Parlamento europeo | VIDEO

Attenzione!
La visione di questo video è vietata ai minori. Accedi per verificare i tuoi dati.Ci dispiace, la tua età non ti permette di accedere alla visione di questo contenuto.

Dopo le minacce subìte a Langoan, l’attivista italiano Davide Acito ha incontrato alcuni europarlamentari a Strasburgo e hanno parlato dell’orrore del macello di cani. A fine riunione il nostro connazionale è riuscito a strappare alcune promesse ai rappresentanti italiani

Continua la lotta contro l’orrore del macello dei cani. L’attivista italiano Davide Acito, di Action Project Animal, è riuscito a strappare alcune promesse agli europarlamentari italiani: “Da oggi in poi, ogni mossa a contrasto di questa terribile pratica sarà accompagnata dalla firma di almeno un eurodeputato italiano”, dice Davide.

Durante la riunione per la difesa dei diritti degli animali che si è svolta ieri a Strasburgo, l’iniziativa degli attivisti è stata appoggiata anche da alcuni parlamentari europei. Stefan Bernard Enk, Klaus Buchner, insieme a Sandra Gabriel, Sebastian Margenfelden e Davide Acito, hanno trattato il tema più importante: quello del mercato di carne di cane in Indonesia (che potete vedere nel video sopra) e come bloccarlo.

“Il prossimo step è fare un grande congresso e invitare gli ambasciatori dell’Indonesia, Corea e Vietnam. Vogliamo presentare anche una lettera alle autorità locali di Tomhon, che sarà accompagnata da più firme dei parlamentari europei”, ha dichiarato Davide Acito a Iene.it

Alla riunione di Strasburgo ha partecipato anche l’europarlamentare italiana Eleonora Evi del Movimento 5 Stelle, che si è resa disponibile e ha preso parte da subito a questa battaglia.

“È un argomento talmente orribile che appena sarà più conosciuto, reagiranno non solo l’opinione pubblica, ma anche le istituzioni. Queste manifestazioni che vengono chiamate tradizionali e culturali non hanno niente di tutto ciò. Spero che l’Europa possa reagire davanti a queste pratiche crudeli e barbare”, ha detto Eleonora Evi a Iene.it

Per l’europarlamentare italiana la lotta deve avvenire non solo a livello diplomatico: “Il cuore del problema è cercare di intervenire di più sui trattati commerciali che vengono negoziati”, cioè una volta che gli stati come Cina e Indonesia vogliono commerciare con l'Europa, devono evitare certe cose.

Cani uccisi, gabbie con dentro altri animali in attesa del loro destino, sangue ovunque. Sono immagini molto forti quelle registrate a Langoan, dove Acito è riuscito a scampare da un macellaio che armato di bastone ha minacciato gli attivisti. “Ho visto molte uccisioni di cani, ma queste in Indonesia sono molto forti”.

A Tomhon i cani, una storia purtroppo già sentita, vengono presi brutalmente a bastonate, picchiati a morte e bruciati per passare direttamente sui banchi del mercato o nelle padelle pronti per essere mangiati. E ad assistere a questo macabro spettacolo spesso ci sono anche bambini, che abituati all’usanza locale sembrano non mostrare alcun ribrezzo per quello che vedono.

Ecco qui sotto i principali articoli e servizi che abbiamo dedicato finora a questa battaglia.

Carne di cane come cibo macellata al mercato: i nostri servizi e articoli

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.