>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di Alessandro Barcella |

Nonno Mariano è morto, solo e lontano dalla sua casa

Il "nonno de Le Iene", di cui vi avevamo raccontato l'odissea, ha perso la sua battaglia. Si è spento sabato pomeriggio, senza la sua amatissima moglie Filippa e sfrattato da quella casa che ha difeso fino alla fine. Ecco tutta le sua storia e il saluto commosso di Nina Palmieri

Nonno Mariano è morto. E non nel letto della sua amatissima casa. È finito nel peggiore dei modi il “supplizio” cui era stato sottoposto questo tenerissimo vecchietto che tutti noi abbiamo imparato a conoscere (e ad amare) attraverso i servizi della nostra iena Nina Palmieri.

Una storia che aveva appassionato e al tempo stesso fatto indignare milioni di italiani, che ne avevano potuto seguire gli sviluppi e i continui colpi di scena quasi in tempo reale.

Nel pomeriggio di sabato 1 Dicembre Nonno Mariano, già da tempo in gravissime condizioni di salute e aggravatosi nelle ultime settimane, è morto. Ma l'amore che ha saputo instillare in quanti lo hanno conosciuto, ha prodotto i suoi frutti. Nelle ultime settimane infatti, Nonno Mariano era stato ospitato insieme alle figlie presso una famiglia palermitana, che aveva preso a cuore la sua sorte. E qui si è spento, tra gli ultimi sorrisi ed abbracci. 

“Non basta essere un guerriero per vincere certe (vergognose) battaglie – aveva scritto in un post su facebook la nostra Nina palmieri pochi minuti dopo aver appreso della morte di Mariano -. Ciao Nonno Mariano, grazie per la dignità e la forza che hai dimostrato. Che la terra ti sia lieve e che ti arrivi tutto il bene che ci hai dato. ❤️Daniela, Leonarda: vi abbraccio fortefortissimo.” E la nostra Nina, per cui davvero Mariano era un nonno, ha voluto ricordarlo anche con un breve video, molto commovente, che potete vedere qui sotto. 

E anche Sergio Bramini, l'imprenditore protagonista di tanti nostri servizi e che aveva fatto della battaglia per la dignità dei pignorati una lotta di civiltà, ha voluto testimoniare la propria vicinanza, sempre su Fb: "Nonno Mariano se n'è andato - ha scritto Bramini - portando con sé "il peggio" che questo paese, che fatico a conoscere, poteva dare.
Un malato terminale sofferente di 91 anni che dopo aver servito lo stato per 30anni si è visto togliere tutto finanche la dignità. Lui è forse andato in un mondo migliore, ma chi è stato artefice di tanta disumana crudeltà è qui e alla fine pagherà".

La sua era la tristissima storia di una lite familiare quarantennale per l’eredità di una palazzina a Palermo. A volere lo sfratto era stata la nipote di Mariano, Isabella, che con il marito Pino aveva comprato all’asta la parte della casa che apparteneva a Mariano, pignorata per debiti dopo le cause perse ogni volta per l’immobile. 

La palazzina era stata divisa in due alla morte del padre di Mariano. Alla madre di Isabella era toccata la parte sotto, e Mariano sopra alla sua aveva costruito un ampliamento considerato abusivo. Da qui un’interminabile lite, trasformatasi in vera faida familiare con telecamere ovunque, tra dispetti, derisioni, rintocchi a morto e urla continue nei corridoi (e che vi avevamo fatto vedere in questo nostro servizio). 

Guardate in foto la sua storia.

Le foto dei servizi su Mariano

 
1 di 11

 

Isabella e Pino non avevano accettato da Mariano, che voleva solo morire nella sua casa, 400 euro di affitto. E allora dopo  un nostro tentativo di mediazione andato fallito e alcuni rinvii, in quanto i medici ne avevano sconsigliato lo spostamento perché il trauma avrebbe potuto potrebbe portare Mariano alla morte, era arrivata la decisione di portarlo via. Nonostante la strenua battaglia delle stesse due figlie di Mariano, Daniela e Leonarda.

E così Nonno Mariano, già molto malato e che a Maggio era anche divenuto vedovo dell’amatissima moglie Filippa, era stato portato via dalla sua casa di Palermo (e le nostre telecamere avevano documentato in questo servizio le drammatiche sequenze dello sgombero).

Mariano avrebbe dovuto essere trasferito in una casa di cura, ma si era presto aggravato ed era finito direttamente in un letto d’ospedale. Fino all’amaro epilogo di sabato pomeriggio.

Una storia bruttissima, in cui non ci si era propri fatti mancare nulla (dall’ondata di insulti che partendo da Facebook, aveva investito la famiglia della nipote che abita sotto, e dalla quale ci siamo sempre e fortemente dissociati) fino alla scoperta di una fake news, che ha speculato a sfondo razziale sulla sua storia. E ora, forse solo ora, Nonno Mariano può finalmente riposare in pace. Insieme alla sua amatissima moglie Filippa. Ma lontano da quella casa, per cui ha lottato sino all’ultimo respiro. I funerali si terranno lunedì alle ore 11.30 a Palermo, presso la Chiesa dei Rotoli.

Guardate qui sotto l'ultimo nostro incontro con Nonno Mariano e tutti gli articoli e i servizi che abbiamo dedicato alla sua storia.
 

 



 

Mariano, tutti i nostri articoli e servizi

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.