>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di Alessandra Carati |

Daniele Nardi dalla sua tenda: "Assediati dalla neve" | VIDEO

Nuova puntata del diario in esclusiva della scalata impossibile di Daniele Nardi al Nanga Parbat, in Pakistan, passando dal Mummery, uno sperone di ghiaccio di mille metri. Con la neve e il pericolo valanghe che fanno paura

Continua a nevicare sul Nanga Parbat, da cui ci arrivano in esclusiva il racconto, i video e le foto (qui sopra potete vedere l'ultimo che ci ha mandato lo scalatore dalla sua tenda) dell'impresa che sta tentando Daniele Nardi: scalare la montagna di 8.126 metri in Pakistan passando da uno sperone di ghiaccio di mille metri Mummery. Un'impresa da cui finora nessuno è tornato vivo (in fondo all'articolo trovate tutte le "puntate precedenti" del diario di questa scalata). Le condizioni della montagna sono radicalmente cambiate rispetto a una settimana fa. Il rischio valanghe è altissimo.

Qui sotto potete vedere in due foto le differenze tra prima e dopo le nevicate.

In questi giorni l’urgenza era tenere in ordine il campo base e metterlo in sicurezza, in modo che le tende e la casetta non crollassero sotto il peso della neve, come era già successo alla tenda deposito dei materiali.

La neve è talmente alta che i poliziotti non sono riusciti a darsi il cambio, perché la strada per raggiungere la valle era impraticabile.

Dal momento che il cibo sarà sufficiente fino al 15 febbraio, e intorno al 13 è prevista una nuova perturbazione, Daniele e Tom ieri sono scesi ad aprire la strada ai portatori: “Se non possiamo salire, almeno scendiamo!” scherza Daniele.

“Non voglio rischiare di rimanere un’altra volta senza cibo, abbiamo battuto la traccia per far salire 22 portatori al campo base e garantirci viveri fino al 5 marzo”.

Nei prossimi due giorni andranno a campo uno per verificarne lo stato e nel caso sistemarlo: “Campo uno è l’unica tenda rimasta in piedi, andiamo a liberarlo dalla neve e poi vediamo cosa fare. Difficile che andremo più su, qualche possibilità c’è, vediamo giorno per giorno”.

Daniele non intende mollare: “Mi sa che in questa spedizione andiamo lunghi. Il visto di scalata scade il 20 febbraio, ho già chiesto al governo pakistano un’estensione”.

Guarda qui sotto le ultime foto che ci sono arrivate da Daniele Nardi e, più in basso, tutti gli articoli e i servizi che abbiamo dedicato finora alla sua scalata.

 

Daniele Nardi e il Mummery: "assediati dalla neve"

 
Sul tetto della casetta, per ripulirla dalla neve.
1 di 7

Daniele Nardi e il Mummery: "assediati dalla neve"

 
Sul tetto della casetta, per ripulirla dalla neve.
1 di 7

 

 

Daniele Nardi: la sfida al Nanga Parbat e le tragica scomparsa

esclusiva web

L’associazione L214 ha filmato un gruppo di mucche a cui è stato installato una sorta di incredibile oblò sullo stomaco, per monitorarne la digestione. “Serve anche per migliorare il prodotto alimentare” che forniscono. Che sia questa la vera ragione di una tecnica diffusa anche in Svizzera, Canada e Stati Uniti? L214 ha annunciato che presenterà una denuncia per maltrattamenti

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.