>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Ospedali da incubo, dopo le Iene: Forlenza non è più commissario di Asl Napoli 1

Cambio ai vertici della Sanità Campana dopo i casi di malasanità e le presunte nomine irregolari di cui ci siamo occupati con Gaetano Pecoraro

Mario Forlenza non è più commissario della Asl Napoli 1. Al posto del direttore generale è stato nominato Ciro Verdoliva, mentre per Forlenza si starebbe studiando una nuova collocazione in Regione. Il cambio ai vertici avviene dopo vari “incidenti” e episodi di malasanità che hanno interessato la Campania e Napoli, che stiamo seguendo a partire dall’inchiesta di Gaetano Pecoraro. Siamo partiti dalle formiche sui pazienti e dai topi in corsia per arrivare al meccanismo che porta a questo dissesto nella Sanità pubblica: i dirigenti che sembrerebbero non essere stati nominati regolarmente.

E forse proprio per questo molti di loro non hanno voluto parlare con la Iena, a partire da Giuseppe Guadagno, direttore del distretto sanitario 33, che ha fatto muro di fronte alle domande di Gaetano Pecoraro e ha anzi esortato con una nota audio i colleghi a non parlare con Le Iene: “nello spirito di chi comunque ci dà da mangiare, vi invito a non aprire la bocca”. Fino ad arrivare alla dottoressa Sardelli, di un altro distretto, che si è chiusa in bagno per non rispondere alle nostre domande.

Gaetano Pecoraro, visto che nessuno di questi dirigenti pubblici ha pensato di dover rispondere di ciò che fa, ha provato a parlare proprio con Mario Forleanza, direttore generale e responsabile di tutte queste nomine. Gli abbiamo più volte chiesto un’intervista senza successo, ma siamo riusciti a incontrarlo per strada. 

Peccato che il direttore sia scappato di fronte alle nostre domande sulle nomine dei dirigenti. “Voi diffamate la sanità”, è stata la sua risposta. Ma alla fine siamo riusciti a strappargli quella che si avvicina a una parziale ammissione: “Probabilmente qualche problema strutturale ci può essere”, ci ha detto. Ma prima di scappare via chiudendosi in macchina, ci ha tenuto a precisare che “in Campania c’è una sanità di altissimo livello”.

Davvero? Valutate voi stessi guardando i servizi di Gaetano Pecoraro e gli articoli che abbiamo dedicato alla malasanità in Campania.

Ospedali da incubo tutti i servizi e gli articoli

Hatem Moustafa, il padre della ragazza italiana di origini egiziane morta dopo essere stata brutalmente picchiata in Inghilterra da un gruppo di giovanissime bulle come vi abbiamo raccontato con Pablo Trincia, commenta la condanna per due di loro a 8 e 12 mesi: “Una parente mi ha riso in faccia, sono in guerra da solo contro l’Inghilterra, per salvare la mia famiglia: perché l’Italia non mi aiuta?”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.